Progetto Archippo - Seminari a domicilio
Benvenuto Visitatore. Fai Login o Registrati.   Regolamento Leggi il regolamento completo

Indice Indice   Help Help   Cerca Cerca   Utenti Utenti   Calendario Calendario   Login Login   Registrati Registrati

 
   I Forum di Evangelici.net
   Dottrina, storia ed esegesi biblica (partecipazione riservata a chi si identifica con i punti di fede di evangelici.net)
   Dottrina e riflessioni bibliche
(Moderatori: andreiu, ilcuorebatte, Asaf)
   Sul dogma "La Trinità"
« Topic Precedente | Prossimo Topic »
Pagine: 1 ... 27 28 29  · vai in fondo · Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa
   Autore  Topic: Sul dogma "La Trinità"  (letto 23762 volte)
Marmar
Admin
*****



Dio è buono

   
WWW    E-Mail

Posts: 7979
Re: Sul dogma "La Trinità"
« Rispondi #420 Data del Post: 31.05.2014 alle ore 07:33:08 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

A questo punto abbiamo un punto di partenza ed uno di arrivo, quindi possiamo gestire una "transizione" usando unicamente argomenti tratti dalle scritture, che ci guidino da un punto all'altro.
 
Loggato

Aiutiamoci gli uni gli altri a liberarsi da quello che ritarda il nostro cammino.
Marmar
Admin
*****



Dio è buono

   
WWW    E-Mail

Posts: 7979
Re: Sul dogma "La Trinità"
« Rispondi #421 Data del Post: 31.05.2014 alle ore 12:54:34 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

L'ho ritrovato. Lo vidi in TV e mi piacque moltissimo.
 
Non è che sia calzante al 100% con l'argomento, comunque se avete un'ora e mezzo ve lo consiglio  Occhiolino
 
https://www.youtube.com/watch?v=XIk_y-7U80Y
« Ultima modifica: 31.05.2014 alle ore 12:55:03 by Marmar » Loggato

Aiutiamoci gli uni gli altri a liberarsi da quello che ritarda il nostro cammino.
Faithful
Simpatizzante
**



W questo FORUM!!!

   
WWW    E-Mail

Posts: 27
Re: Vorrei esaminare con voi il dogma "La tri
« Rispondi #422 Data del Post: 03.07.2023 alle ore 22:18:35 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 12.01.2014 alle ore 08:56:32, salvo wrote:
Le similitudini hanno un solo obiettivo, visti i nostri limiti, che è quello di creare in noi un sentiero da percorrere.
Non abbiamo altre possibilità di capire le cose se non per similitudini. Non bastano parole altisonanti a definire le cose perché sono sempre e solo nostre espressioni a fronte di un tema così immenso.
Il post iniziale, iniziato in punta di piedi, cosciente dei limiti, voleva solo proporre un sentiero in cui osservare le cose in modo diverso.
Io credo che per rispondere o commentare, bastano le scritture senza scomodare nessun luminare. Spesso le scritture lasciano delle sospensioni entro le quali possono essere intraviste riflessioni ulteriori.
Tutto si muove nulla resta fermo, perché tutto va in una sola direzione: "Sorridenteio ogni cosa in tutti".
Si può negare quello che tu dici, solo per il fatto che si usa una similitudine ovviamente temporale?
Nessuno però può negare ciò che è scritto nel Salmo 2.7 "Io spiegherò il decreto: L'Eterno mi disse: Tu sei il mio figliuolo, oggi io t'ho generato."
Mi pare chiarissimo pensare che il giorno a cui fa riferimento non ha valore temporale, altrimenti come avrebbe potuto dire Gesù in Giovanni 17.5: Ora, o Padre, glorificami tu presso di te della gloria che avevo presso di te prima che il mondo esistesse.
Pur non di meno Giovanni 1, che ricorda il Principio delle cose, dice che tutte le cose sono state create per Lui con Lui e non senza di Lui. Nonostante ciò il salmista dice quanto scritto sopra "Tu sei mio figlio oggi ti ho generato".
Per ora mi fermo chiedendo se possibile di esprimere il proprio pensiero e non copia incollando quello degli altri. Se vogliamo capire, secondo me, dobbiamo usare tutti lo stesso strumento, la Bibbia.

 
Pace del Signore Gesù Salvo,mi chiamo Sergio e vivo nella provincia di Catania,ho notato che ti sei posto dei quesiti interessanti e soprattutto non ti sei fermato ad alcuni luoghi comuni che si usano comunemente tra i credenti ma stai proponendo delle meditazioni serie della scrittura.
La mia visione riguardo alla Divinità è che esiste un solo ed unico Dio che è il padre,come troviamo scritto anche in 1Corinti 8:6 dove Paolo parla del padre come unico Dio a priori distinguendolo dal figlio e chiamando il figlio Signore.
Paolo però afferma che bensì siano tutte le cose dal padre,altresì per mezzo del figlio siano state create tutte le cose,infatti è per mezzo della parola di DIo che ogni cosa è stata fatta,e in Giovanni 1 quando si parla della parola di Dio si fa riferimento al medesimo e unico Dio che è appunto il padre,ma la parola è stata fatta carne.
Personalmente credo che l'attributo di figlio di Dio non possa essere visto in maniera separata all'incarnazione del verbo,in quanto il verbo e dunque Cristo Gesù uomo (la parola fatta carne) è scritturalmente la stessa sapienza e potenza di Dio (1Corinti 1:24)
La bibbia insegna riguardo all'incarnazione e alla designazione del figlio,oltre al fatto che il figlio sia "proceduto dal padre" che il figlio è stato prescelto (Isaia 43:10) e anche preconosciuto (1Pietro 1:18-20) prima che il mondo fosse fondato,e da questo possiamo comprendere che Dio amava Cristo prima della fondazione del mondo a motivo della sua prescienza o preconoscenza in cui ha conosciuto il figlio umano nel suo Spirito,avendone prestabilito la venuta nella carne attraverso una discendenza umana,in quanto Cristo figlio dell'uomo e discendenza della donna (Genesi 3:15)
 
« Ultima modifica: 26.08.2023 alle ore 15:13:49 by Faithful » Loggato
Faithful
Simpatizzante
**



W questo FORUM!!!

   
WWW    E-Mail

Posts: 27
Re: Sul dogma "La Trinità"
« Rispondi #423 Data del Post: 03.07.2023 alle ore 22:22:24 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

La parte umana di Gesù Cristo è stata generata dunque da Dio secondo la sapienza di questo unico Dio padre,ma questo unico Dio padre è venuto ad abitare in mezzo a noi in un figlio umano generato,avendo Dio applicato un progetto relativo alla salvezza e alla redenzione degli uomini,dall'eternità al tempo,e così si spiega il fatto che Dio nelle profezie usava una forma temporale per definire la generazione del figlio dicendo "oggi ti ho generato" mentre in realtà Cristo esisteva dall'eternità quale Spirito in Dio,ovvero sapienza e potenza di questo unico Dio,verbo,e vita eterna che era presso il padre,in sintesi,Cristo era preesistente nell'unico Dio a mio avviso,e non separatamente come una seconda persona eterna eternamente generata,anche perché Isaia 43:10 afferma che prima di YHWH non fu formato alcun Dio e dopo di lui non ve ne sarà alcuno,ragion per cui non credo nella teoria trinitaria in cui Cristo sia una seconda persona eterna che Dio genera dall'eternità,ma che sia stato generato come uomo e dunque a ragione la scrittura dice "io gli sarò padre ed egli mi sarà figlio" escludendo così categoricamente il fatto che si possa trattare di un figlio eterno eternamente generato.
La bibbia parla nell'antichità del figlio che sarebbe stato il messia,in maniera profetica come qualcosa che doveva accadere nel futuro e che Dio conosceva già in quanto lo aveva prestabilito e persino preconosciuto nella sua mente,dunque nel suo Spirito eterno.
« Ultima modifica: 04.07.2023 alle ore 13:33:55 by Faithful » Loggato
Pagine: 1 ... 27 28 29  · torna su · Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa

« Topic Precedente | Prossimo Topic »

Evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl ‐ P.IVA 01264890052 ‐ Privacy policy