Progetto Archippo - Seminari a domicilio
Benvenuto Visitatore. Fai Login o Registrati.   Regolamento Leggi il regolamento completo

Indice Indice   Help Help   Cerca Cerca   Utenti Utenti   Calendario Calendario   Login Login   Registrati Registrati

 
   I Forum di Evangelici.net
   Dottrina, storia ed esegesi biblica (partecipazione riservata a chi si identifica con i punti di fede di evangelici.net)
   Dottrina e riflessioni bibliche
(Moderatori: andreiu, ilcuorebatte, Asaf)
   La seconda "parusia"
« Topic Precedente | Prossimo Topic »
Pagine: 1 ... 5 6 7 8  vai in fondo Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa
   Autore  Topic: La seconda "parusia"  (letto 8455 volte)
ester2
Membro familiare
****



Cosi' dice il Signore:"Io onoro quelli che mi onorano"    1Sam.2-30

   
WWW    E-Mail

Posts: 2123
Re: La seconda "parusia"
« Rispondi #90 Data del Post: 09.03.2016 alle ore 13:36:17 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Peccato Vladi... lasci? I tuoi post me li stavo proprio "gustando"
 
 Pollice su
Loggato
Stefanotus
Visitatore

E-Mail

Re: La seconda "parusia"
« Rispondi #91 Data del Post: 09.03.2016 alle ore 13:59:47 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio

Vlad, non davvero come pensi tu.
Se provi un attimo a seguire quanto ti ho spiegato brevemente, n capirai la logica.
 
La teologia nata proprio per evitare gli scontri "dottrinali" e semplificare la didattica cristiana. Tutto qui.
La teologia un modo per comprendere il messaggio biblico in modo organizzato ma soprattutto completo.
Esistono tante teologie. Molte sono la commistione di teologie e filosofie. Altre sono invece teologie rivelate, cio basate sulla rivelazione.
 
Noi ci muoviamo all'interno di queste.
Ora la Bibbia, parla di tanti argomenti in diversi modi. Organizzare le informazioni con un criterio la teologia sistematica.
 
Tu nelle tue esposizioni fai solo questo errore secondo me: usi l'esegesi e stabilisci delle conclusioni. Correttissime dal punto di vista linguistico, indubbiamente. Ma ognuna di queste conclusioni deve essere vagliata con il confronto di TUTTA la Scrittura quindi resa coerente con il messaggio di TUTTA la Scrittura.  
Dio non pu contraddirsi come invece hai sostenuto tu, quando dicevi che analizzando due testi che parlano della stessa cosa non necessario che siano per forza "in accordo".
Io comprendo e condivido questa regola dal punto di vista strettamente tecnico parlando di esegesi. Ma non la condivido se poi per la applichi per la Parola di Dio in questo modo.
Se la Bibbia dicesse in un punto: "Sorridenteio si chiama Pasquale" e in un altro dicesse "Sorridenteio non ha nome".... In termini esegetici puoi darmi tutte le indicazioni che vuoi, ma in termini teologici mi devi spiegare come si uniscono le due cose perch altrimenti ci troveremmo di fronte ad una contraddizione biblica.
Contraddizione che invalida il principio di autorit e infallibilit biblica. Quindi mina ai fondamenti della fede.
 
Quindi non complicato. Si tratta di intraprendere un percorso di crescita. O penserai forse di essere gi arrivato?
Io ti sto cercando di offrire parte del mio bagaglio culturale e spirituale. Tutto qui.
 
Sul discorso ADI o altre digressioni, mi sono solo permesso di divagare in risposta a quanto avevi scritto o citato tu.
Per me un segno di stima e rispetto nei tuoi confronti rispondere nel modo pi puntuale possibile sulle cose che dici o chiedi.
Loggato
Amenachos
Membro
***





   
WWW    E-Mail

Posts: 169
Re: La seconda "parusia"
« Rispondi #92 Data del Post: 10.03.2016 alle ore 00:34:16 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Stefano, in segno di altrettanta stima e rispetto do un'ultima risposta conclusiva. Conosco le tue intenzioni e non ho dubbio alcuno sulla loro bont.
 

on 09.03.2016 alle ore 13:59:47, Stefanotus wrote:
Vlad, non davvero come pensi tu.

 
Io ho capito quello che stai dicendo, ma non funzionale a quello che ho detto io: quindi s, come penso io.
 
Non capisco davvero cosa c'entri tutto il discorso sull'infallibilit della Scrittura, sui testi in contraddizione..perch mai dovrei dissentire? E da dove si evince? Come pure da dove si evince che traggo conclusioni totalizzanti a prescindere da altri testi?
Le mie considerazioni sono espresse all'interno di un determinato contesto e all'interno di un determinato processo. Non sarebbero valide se espresse prima, non sarebbero valide se espresse dopo. Valgono se espresse dove sono espresse.
 
Per questo dico che siamo su due mondi completamente diversi, e non capisco con quale modalit riesci a inferire le suddette riflessioni.. inquietante, quanto meno. Come detto, da un lato non mi piace, e non sono abituato ad avere questo tipo di interlocutorio: in ambiente accademico ci si scanna pure (e ci pu stare), ma ogni risposta mirata a quanto un altro ha detto, l il bello di essere contraddetto, perch in quel momento un dialogo ce l'hai per davvero. Dall'altro lato, lo ripeto: faccio mea culpa per tutte queste digressioni e per aver supposto un'immediata comprensione (non necessariamente condivisione!) di quanto scritto.
 
E qui davvero getto la spugna, knocked out Mamma mia  Arrendersi
Loggato
Stefanotus
Visitatore

E-Mail

Re: La seconda "parusia"
« Rispondi #93 Data del Post: 10.03.2016 alle ore 01:21:21 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio

Vlad io ti ho quotato.
Ho quotato frasi tue e a quelle ho risposto: frasi tue nel giusto contesto e a cui ho "sottolineato" sbavature.
 
Vuoi chiudere cos? Va bene.
Peccato dico io.
Loggato
Johannan
Membro
***



Ges Cristo il mio Signore

   
WWW    E-Mail

Posts: 215
Re: La seconda "parusia"
« Rispondi #94 Data del Post: 10.03.2016 alle ore 18:19:36 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Pace del Signore
 
Fratelli miei, non siate molti a far da maestri, sapendo che ne riceveremo un pi severo giudicio
 
Scusate la "fraterna critica" ma leggere 7 pagine di post chilometrici che non dicono nulla stancante. Dormire2
Il soggetto molto interessante e meritevole di essere svolto compiutamente alla luce degli insegnamenti scritturali, ma dobbiamo imparare ad essere umili e sintetici.
Oltretutto, assistere a questi "punzecchiamenti" crea sconforto e noia per chi legge.
 
Scusatemi ma volevo dirlo.
Un abbraccio fraterno a tutti Amici
 
Pace del Signore
« Ultima modifica: 10.03.2016 alle ore 18:23:56 by Johannan » Loggato

Iddio ha tanto amato il mondo, che ha dato il suo unigenito Figliuolo, affinch chiunque crede in lui non perisca, ma abbia vita eterna
Stefanotus
Visitatore

E-Mail

Re: La seconda "parusia"
« Rispondi #95 Data del Post: 10.03.2016 alle ore 22:29:56 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio

Johannan io non punzecchiavo davvero.
Io cercavo di andare alla radice del dissenso tra me e Vlad.
 
Non era proprio mia intenzione punzecchiarlo. Ci conosciamo di persona e lui sa quanto io lo stimi davvero.
Loggato
Marmar
Admin
*****



Dio buono

   
WWW    E-Mail

Posts: 7863
Re: La seconda "parusia"
« Rispondi #96 Data del Post: 11.03.2016 alle ore 23:28:15 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Ok, riprendiamo il discorso, con una curiosit su Mt 24:34.
 
Nuova Riveduta:
Matteo 24:34
Io vi dico in verit che questa generazione non passer prima che tutte queste cose siano avvenute.
 
Bibbia della Gioia:
Matteo 24:34
Allora, finalmente, questo periodo di grazia sar giunto alla conclusione.
 
Diodati:
Matteo 24:34
Io vi dico in verit, che questa et non passer, finch tutte queste cose non sieno avvenute.
 
In effetti tra le tre traduzioni c' un po' di differenza.
 
Qual la pi giusta?
http://biblehub.com/interlinear/matthew/24-34.htm
Loggato

Aiutiamoci gli uni gli altri a liberarsi da quello che ritarda il nostro cammino.
Caste
Membro familiare
****



Give God a Chance

   
WWW    E-Mail

Posts: 1271
Re: La seconda "parusia"
« Rispondi #97 Data del Post: 12.03.2016 alle ore 08:39:58 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Tutte, perch il termine "genea" sufficientemente vago da lasciare spazio a una scelta piuttosto che a un'altra. Pu sia riferirsi alla generazione intesa come il gruppo di persone che vivono nello stesso tempo (la generazione dei contemporanei di Ges) che alla "gena" nel senso di discendenza di un gruppo (la gena degli israeliti)
« Ultima modifica: 12.03.2016 alle ore 08:40:22 by Caste » Loggato

"Il problema delle citazioni su internet che non si sa mai se siano vere o no" Abraham Lincoln
Marmar
Admin
*****



Dio buono

   
WWW    E-Mail

Posts: 7863
Re: La seconda "parusia"
« Rispondi #98 Data del Post: 12.03.2016 alle ore 09:23:05 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Giusto.
 
Per la seconda e la terza mi sembra che vadano oltre, la seconda traduce che il periodo di grazia (chiesa) si concluder quando tutto ci che afferma Ges sar avvenuto.
 
Il Diodati, similmente, parla di et, rifacendosi probabilmente anche lui allo stesso principio.
Loggato

Aiutiamoci gli uni gli altri a liberarsi da quello che ritarda il nostro cammino.
Caste
Membro familiare
****



Give God a Chance

   
WWW    E-Mail

Posts: 1271
Re: La seconda "parusia"
« Rispondi #99 Data del Post: 12.03.2016 alle ore 10:02:28 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 12.03.2016 alle ore 09:23:05, Marmar wrote:
Giusto.
 
Per la seconda e la terza mi sembra che vadano oltre, la seconda traduce che il periodo di grazia (chiesa) si concluder quando tutto ci che afferma Ges sar avvenuto.
 
Il Diodati, similmente, parla di et, rifacendosi probabilmente anche lui allo stesso principio.

 
pi o meno la stessa cosa... infatti il discorso di gena si rende per estensione anche come et (la gena israelita non certo conclusa attualmente) renderebbe valido il discorso anche per oggi. La bibbia della gioia fa qualche salto pi in la per il tipo di scelta di traduzione effettuata, ma mi pare renda comunque il senso (parzialmente) in accordo con Diodati.
Quindi, semplicemente la NR pi aderente nell'usare un termine dal significato ambiguo, mentre le altre due scelgono gi una terminologia proiettata al futuro (cosa non sbagliata)
Loggato

"Il problema delle citazioni su internet che non si sa mai se siano vere o no" Abraham Lincoln
Asaf
Admin
*****




La verit sta nella Scrittura!

   
WWW    E-Mail

Posts: 4724
Re: La seconda "parusia"
« Rispondi #100 Data del Post: 12.03.2016 alle ore 11:55:30 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

La Bibbia della Gioia non traduce, interpreta con "periodo di grazia".
La Diodati assume gi una connotazione temporale simile a generazione.
Loggato

Per una corretta esegesi biblica pi che questione di testi e contesti questione di testi e ...teste!
Marmar
Admin
*****



Dio buono

   
WWW    E-Mail

Posts: 7863
Re: La seconda "parusia"
« Rispondi #101 Data del Post: 12.03.2016 alle ore 12:19:15 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Quindi chi afferma che Ges si riferiva solamente ai giudei vivi in quel tempo forza il testo, poich con molta pi elasticit che deve essere letto.
Loggato

Aiutiamoci gli uni gli altri a liberarsi da quello che ritarda il nostro cammino.
Caste
Membro familiare
****



Give God a Chance

   
WWW    E-Mail

Posts: 1271
Re: La seconda "parusia"
« Rispondi #102 Data del Post: 12.03.2016 alle ore 13:14:44 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 12.03.2016 alle ore 12:19:15, Marmar wrote:
Quindi chi afferma che Ges si riferiva solamente ai giudei vivi in quel tempo forza il testo, poich con molta pi elasticit che deve essere letto.

 
No, non direi. Forzare il testo vuol dire fargli dire qualcosa che non dice. In questo caso chi afferma che Ges si riferiva ai giudei vivi ha ragione, chi afferma che Ges si riferiva solamente ai giudei vivi, magari si attiene a un'interpretazione un po' troppo letterale.
 
Direi che, come sempre in questi casi, sia opportuno aggiungere a quello che poteva essere il significato immediato (se non vado errato, la distruzione di Gerusalemme nel 70 vista come legata a questa parte) anche quello che pu essere desunto nel nostro presente, ovvero la parte escatologica.  
 

on 12.03.2016 alle ore 13:07:24, Ramingo wrote:

Io ci provo ad ogni teoria che formulate, dedico davvero molto tempo a immaginarmi le reazioni con una o un'altra possibile realt.
Ovviamente nonostante gli sforzi che posso impiegare non avr mai la visuale di chi ha formulato l'ipotesi, quindi perch non aggiungere anche una parte che possa aiutare in questo? Sorriso

Ho la netta impressione che tu abbia avuto un'idea interessante, ma non sono certo di avere totalmente compreso quello che intendi... potresti rispiegarlo, per favore?  Occhiolino
Loggato

"Il problema delle citazioni su internet che non si sa mai se siano vere o no" Abraham Lincoln
Marmar
Admin
*****



Dio buono

   
WWW    E-Mail

Posts: 7863
Re: La seconda "parusia"
« Rispondi #103 Data del Post: 12.03.2016 alle ore 14:45:41 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


Quote:

No, non direi. Forzare il testo vuol dire fargli dire qualcosa che non dice. In questo caso chi afferma che Ges si riferiva ai giudei vivi ha ragione, chi afferma che Ges si riferiva solamente ai giudei vivi, magari si attiene a un'interpretazione un po' troppo letterale.

 
E' appunto ci che stavo dicendo.
 
Cos si potrebbe anche dire che forse l'allusione ad un periodo simile (una generazione) in cui racchiudere tutti gli eventi escatologici, dal ritorno dei giudei ad armageddon, non del tutto fuori luogo?
« Ultima modifica: 12.03.2016 alle ore 14:46:26 by Marmar » Loggato

Aiutiamoci gli uni gli altri a liberarsi da quello che ritarda il nostro cammino.
Caste
Membro familiare
****



Give God a Chance

   
WWW    E-Mail

Posts: 1271
Re: La seconda "parusia"
« Rispondi #104 Data del Post: 12.03.2016 alle ore 14:46:40 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 12.03.2016 alle ore 13:52:02, Ramingo wrote:

Con il verificarsi di un fenomeno plateale e affatto attribuibile all'uomo, diciamo che domani non vado a far colazione al bar per poi recarmi al lavoro come se niente fosse Sorriso

Beh, per quanto mi riguarda uscire di casa senza almeno un caff provocherebbe eventi assimilabili alla fine del mondo Sorridente
 

on 12.03.2016 alle ore 13:52:02, Ramingo wrote:

Invece con fenomeni pi subdoli, nascosti e ingannevoli posso addirittura non avere nessuna reazione e attribuire il tutto al normale flusso, seppur balordo, di questo presente o di quel futuro.
 
Da profano trovo interessanti tutte le teorie sul rapimento se viste a se, ma le reazioni dell'intero pianeta terra con una o l'altra possono far si il resto della parte escatologica funzioni senza grosse stonature?
L'invito e a ragionare su questo e quindi a elaborare ogni teoria includendo le eventuali reazioni.

Credo di aver capito,,, ad esempio, se ci leghiamo all'altro post che avevi fatto relativamente alle possibilit che il marchio della bestia sia un inganno sottile, questo potrebbe essere pi difficile da collegare, come avvenimento, in una situazione in cui, da un giorno con l'altro, una parte dell'umanit sparisce; con tutta la sottigliezza che si vuole, di fronte a un avvenimento di cos grande portata sarebbe difficile far passare certe cose sotto silenzio.  
Pi o meno intendevi qualcosa del genere?
Loggato

"Il problema delle citazioni su internet che non si sa mai se siano vere o no" Abraham Lincoln
Pagine: 1 ... 5 6 7 8  torna su Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa

« Topic Precedente | Prossimo Topic »

Evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl ‐ P.IVA 01264890052 ‐ Privacy policy