Progetto Archippo - Seminari a domicilio
Benvenuto Visitatore. Fai Login o Registrati.   Regolamento Leggi il regolamento completo

Indice Indice   Help Help   Cerca Cerca   Utenti Utenti   Calendario Calendario   Login Login   Registrati Registrati

 
   I Forum di Evangelici.net
   Chi sono i cristiani evangelici? Cosa dice la Bibbia? - Rispondono i moderatori
   Dialogando sulla Bibbia
(Moderatori: elovzu, ilcuorebatte, andreiu, Asaf, Marmar)
   Diluvio universale
« Topic Precedente | Prossimo Topic »
Pagine: 1 2 3  vai in fondo Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa
   Autore  Topic: Diluvio universale  (letto 4735 volte)
ilcuorebatte
Admin
*****




"Noi ci battiamo per il nostro tutto" Atanasio

   
WWW    E-Mail

Posts: 2866
Re: Diluvio universale
« Rispondi #30 Data del Post: 10.04.2013 alle ore 21:31:54 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Jason qui ci troviamo difronte a un dilemma, e credo di aver perso l'iniziale questione da te posta. Siamo partiti dalla questione di come doverci porre nei riguardi di alcuni "episodi" descritti nella Scrittura, come doverli considerare, se giusto o meno dargli una valenza storica, o una coerenza narrativa oggettiva, per ora approdare a qualcosa di diverso. Non si parla pi di possibili letture allegoriche o meno, ma se quanto la testimonianza del Nuovo Testamento esprime attorno a determinati temi sia da considerare o meno attendibile, spero di aver capito bene, ma non ne sono certo, e quindi ho prima bisogno che ci chiariamo questo punto, perch se cos fosse trovo sterile la discussione, in quanto senza possibilit di soluzione. Il testo della lettera ai Romani credo che sia molto esaudiente sulla questione, possiamo anche obiettare e ragionare sulle attenuanti, ma il pensiero dell'apostolo chiaro, "siamo tutti senza scuse", quindi o crediamo e riposiamo nel giusto giudizio di Dio, oppure facciamoci le nostre verit.
« Ultima modifica: 10.04.2013 alle ore 21:38:51 by ilcuorebatte » Loggato

"Per coloro che credono nessuna prova necessaria, per coloro che non credono nessuna prova sufficiente." Stuart Chase
Jason
Membro
***



W questo FORUM!!!

   
WWW    E-Mail

Posts: 77
Re: Diluvio universale
« Rispondi #31 Data del Post: 10.04.2013 alle ore 23:10:47 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 10.04.2013 alle ore 21:31:54, ilcuorebatte wrote:
Jason qui ci troviamo difronte a un dilemma, e credo di aver perso l'iniziale questione da te posta. Siamo partiti dalla questione di come doverci porre nei riguardi di alcuni "episodi" descritti nella Scrittura, come doverli considerare, se giusto o meno dargli una valenza storica, o una coerenza narrativa oggettiva, per ora approdare a qualcosa di diverso. Non si parla pi di possibili letture allegoriche o meno, ma se quanto la testimonianza del Nuovo Testamento esprime attorno a determinati temi sia da considerare o meno attendibile, spero di aver capito bene, ma non ne sono certo, e quindi ho prima bisogno che ci chiariamo questo punto, perch se cos fosse trovo sterile la discussione, in quanto senza possibilit di soluzione. Il testo della lettera ai Romani credo che sia molto esaudiente sulla questione, possiamo anche obiettare e ragionare sulle attenuanti, ma il pensiero dell'apostolo chiaro, "siamo tutti senza scuse", quindi o crediamo e riposiamo nel giusto giudizio di Dio, oppure facciamoci le nostre verit.

Carissimo, a volte succede che nella conversazione si scivoli verso altro argomento pur senza aver esaurito il primo. Non considero tale traslazione come sterilit. Probabilmente non facile addivenire a risposte definitive. Riguardo al diluvio, l'evento collocato a migliaia di anni or sono. L'arca non c' per essere portata come prova. E anche se ci sono state spedizioni come quelle di Angelo Palego non irreale pensare che dopo 5-6000 anni il legno dell'arca marcito. Le prove geologiche possono avere varie interpretazioni e pi volte nella storia ci sono state catastrofi (come quella relativa alla scomparsa dei dinosauri) ma non facile identificare la catastrofe-diluvio. Quindi probabile che resteremo senza risposta certa. Rimane solamente l'interpretazione del testo biblico. Il fondamentalista considera il testo "cronologia storica". Altri "possibilisti", come me, lo considerano poco realistico perch troppo esagerato come reazione al peccato di un manipolo e quindi si orientano a pensare che si tratta di un racconto con valenza profetica proiettata alla fine dei tempi. Non che la fine sia con l'inondazione ma che Dio "salva" coloro che Egli considera figli suoi... Che senso ha far morire milioni di animali, miliardi di insetti, distruggere migliaia di specie vegetali, ridisegnare l'orografia, nonch sconquassare l'equilibrio termico dell'intera terra, solo per togliere lo spirito vitale a poche persone? Bho!
Il fatto di chiedere altro genere di informazioni tra un intervento e l'altro dipende solamente dal fatto che come ex TdG sono alla ricerca di una nuova chiesa cristiana cui associarmi e sto cercando solamente di... capire, prima di prendere una decisione. Confido nella buona volont e nella pazienza dei foristi.
Ciao, ciao, Jason.    
 Ciao
Loggato
elovzu
Amministratore
*****




Ti ama davvero!

   
WWW    E-Mail

Posts: 3880
Re: Diluvio universale
« Rispondi #32 Data del Post: 11.04.2013 alle ore 09:03:07 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Sul diluvio ho gi risposto in precedenza.
Sul discorso "ignoranza di fronte a Dio" dobbiamo fare un po' di chiarezza.
Hai ragione quando dici che Dio tiene conto della cultura, dell'ambiente dove cresciamo, del livello di rivelazione che riceviamo; non hai ragione quando implicitamente affermi che tutto questo ci tolga dalla responsabilit di riconoscere il solo vero Dio.
Tu metti tutto sul piano del seguire le regole di una o dell'altra religione.  Sinceramente credo che questa impostazione sia il frutto del tuo trascorso da TdG. Ti ripeto che Dio non salva in base alle regole, ma solo in base alla fede e questa travalica culture e circostanze.
Non nemmeno giusto dire che le regole bibliche sono valide solo per i cristiani. La legge buona per tutti. Naturalmente pi conoscenza ricevi pi sei responsabile. Chi ha avuto la possibilit di conoscere Dio solo attraverso la creazione verr giudicato in base a quello, chi ha avuto una piena testimonianza del Vangelo o ha visto Ges di persona avr un metro di giudizio diverso. Ma in ogni caso siamo salvati per grazia, non per i nostri meriti, attraverso la fede in Cristo.  Per questo nessuno scusabile, perch tutti hanno la possibilit di fidarsi/affidarsi a Dio, anche se solo la propria coscienza glielo suggerisce. Se comprendi questo tutto diventa pi semplice.
Loggato

Francesco

"E' meglio accendere una candela che lamentarsi delle tenebre"
Pagine: 1 2 3  torna su Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa

« Topic Precedente | Prossimo Topic »

Evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl ‐ P.IVA 01264890052 ‐ Privacy policy