Progetto Archippo - Seminari a domicilio
Benvenuto Visitatore. Fai Login o Registrati.   Regolamento Leggi il regolamento completo

Indice Indice   Help Help   Cerca Cerca   Utenti Utenti   Calendario Calendario   Login Login   Registrati Registrati

 
   I Forum di Evangelici.net
   Dottrina, storia ed esegesi biblica (partecipazione riservata a chi si identifica con i punti di fede di evangelici.net)
   Esegesi dell'Antico Testamento
(Moderatori: andreiu, Asaf)
   Genesi 3:22
« Nessun Topic | Prossimo Topic »
Pagine: 1 2  vai in fondo Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa
   Autore  Topic: Genesi 3:22  (letto 5182 volte)
Zamira
Membro
***



Ges l'unica forza

   
WWW    E-Mail

Posts: 298
Genesi 3:22
« Data del Post: 02.01.2008 alle ore 09:15:31 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Stamane, leggendo la Bibbia ho letto :
 
E l'Eterno DIO disse: Ecco, l'uomo divenuto come uno di noi, perch conosce il bene e il male. Ed ora non bisogna permettergli di stendere la sua mano per prendere anche dell'albero della vita perch mangiandone, viva per sempre.
 
Genesi 3:22

 
A dire il vero, un versetto che ho letto molte volte, ma non mi ero mai fermata a pensare esattamente al significato ed esattamente alla parte finale:
 
Ed ora non bisogna permettergli di stendere la sua mano per prendere anche dell'albero della vita perch mangiandone, viva per sempre.
 
Qualche fratello o sorella mi sa dire qualche cosa? Grazie  Vai vai!
Loggato

E qualunque cosa chiederete nel nome mio la far, affinch il Padre sia glorificato nel Figlio. Se chiedete qualche cosa nel nome mio, io la far. Giovanni 14:13-14

andreiu
Admin
*****




Ges la mia vita

   
WWW    E-Mail

Posts: 5381
Re: Genesi 3:22
« Rispondi #1 Data del Post: 02.01.2008 alle ore 10:58:23 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 02.01.2008 alle ore 09:15:31, Zamira wrote:
Stamane, leggendo la Bibbia ho letto :
 
E l'Eterno DIO disse: Ecco, l'uomo divenuto come uno di noi, perch conosce il bene e il male. Ed ora non bisogna permettergli di stendere la sua mano per prendere anche dell'albero della vita perch mangiandone, viva per sempre.
 
Genesi 3:22

 
A dire il vero, un versetto che ho letto molte volte, ma non mi ero mai fermata a pensare esattamente al significato ed esattamente alla parte finale:
 
Ed ora non bisogna permettergli di stendere la sua mano per prendere anche dell'albero della vita perch mangiandone, viva per sempre.
 
Qualche fratello o sorella mi sa dire qualche cosa? Grazie Vai vai!

 
In pratica se Adamo ed Eva avessero mangiato del frutto dell'albero della vita, sarebbero rimasti per sempre nella condizione di separazione da Dio. Ecco perch era necessario che essi fossero impediti ad avvicinarsi a questo albero che tra l'altro ritroviamo nell'Apocalisse.  
 
Sarebbe bello infatti fare il raffronto tra il testo di Ap 22 dove ritroviamo quest' "albero" e Genesi.
 
Loggato

http://forumbiblico.community.leonardo.it/
Zamira
Membro
***



Ges l'unica forza

   
WWW    E-Mail

Posts: 298
Re: Genesi 3:22
« Rispondi #2 Data del Post: 02.01.2008 alle ore 12:30:01 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

E' vero, non ci avevo pensato, ma che cos' quest'albero? M'interesserebbe fare questo raffronto di cui parli!! Quindi se ne avessero mangiato non sarebbero mai morti, un fatto che non capisco. Insomma sarei molto contenta se si potesse approfondire o se magari qualcuno mi pu dare uno studio fatto sull'argomento.
 
Comunque ti ringrazio molto Andreiu  Amici
Loggato

E qualunque cosa chiederete nel nome mio la far, affinch il Padre sia glorificato nel Figlio. Se chiedete qualche cosa nel nome mio, io la far. Giovanni 14:13-14

romefriend
Visitatore

E-Mail

Re: Genesi 3:22
« Rispondi #3 Data del Post: 04.01.2008 alle ore 18:53:27 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio

Un commentatore Talmudico, il Rebbe di Lubavitch (Lubavitch una citt della Bielorussia), spiega che Dio viet all'uomo di consumare i frutti dell'albero della vita perch, dopo che il bene era stato intaccato dal male, sarebbe stato terribile se l'uomo fosse vissuto in eterno: anche ci che era negativo in lui avrebbe avuto una esistenza infinita. La morte stata creata perch il male non "sopravviva" illimitatamente. Infatti, dice sempre il commentatore, quando nell'era messianica il male sar estirpato, l'uomo torner ad essere immortale.
 
E' interessante che , come cristiani, avendo fede nel Figlio di Dio, noi siamo stati trasportati dalla morte alla vita, e Ges stesso dice che anche se uno morir, vivr per sempre. Le due cose si allineano.
 
Non so a quale albero ti riferisci per saperne di pi.
Io ti dico cosa ho imparato dell'albero della conoscenza del bene e del male.
Quando il serpente ha detto ad Eva, "si apriranno i vostri occhi e diventerete come divinit che conoscono il bene e il male", intendeva che sanno distinguere da soli tra il bene ed il male e non hanno pi bisogno di Colui che comanda.
In realt, la conseguenza di mangiare il frutto dell'albero proibito, era la conoscenza del male.
Dio non voleva che l'uomo venisse a contatto con esso, perch la sua concezione del bene e del male, sarebbe stata differente da quella degli angeli, che astratta, generica, immateriale. Nel loro caso il male non ha l'effetto che ha nella natura umana, un po' come le sollecitazioni al male fatte su un bambino, che avendone una concezione molto vaga, non li ricerca veramente. Quando invece una persona adulta a cercare prestigio, denaro, potere, il pi delle volte parla spinto da un vero e proprio desiderio materiale, che lo pu portare verso un pericolo reale.
Dio quindi viet all'uomo di mangiare i frutti di quell'albero, per impedirgli di avvicinarsi alla conoscenza del male, farne una esperienza materiale, essere tentato e quindi incappare nel pericolo.
Un commento interessante riguardo all'inganno subito da Eva, e quindi il suo mangiare il frutto, che lei venne sedotta completamente, perch le parole del serpente avevano generato in lei un desiderio all'improvviso nuovo. L'inganno faceva che Eva guardava ora l'albero, e il suo frutto appariva molto saporito, il suo aspetto era una delizia agli occhi, e in pi avrebbe acquisito la conoscenza. "Quindi ne prese uno e lo mangi"
Nota che non successe nulla subito.
Quindi lo port ad Adam, gli rifer quello che le aveva detto il serpente, ed Adam "fu con lei".
La costruzione ebraica del periodo differente da come la leggiamo noi.
Quel "fu con lei" non una vicinanza fisica, quanto un accordo di mangiare anche lui.
In realt, solo dopo che Adam mangi, "gli occhi di ambedue si aprirono".
Eva era stata sedotta, ingannata.
Adam non fu ingannato. Fu disubbidiente, non era innocente, per questo merit di essere punito.
Si d tanta colpa ad Eva, in realt, devo proprio ammettere... tutta colpa di Adam  Piange
 
spero di essere stato comprensibile.
 Ciao
shalom
Loggato
newAP
Visitatore

E-Mail

Re: Genesi 3:22
« Rispondi #4 Data del Post: 29.06.2008 alle ore 16:12:16 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio


on 02.01.2008 alle ore 10:58:23, andreiu wrote:

 
In pratica se Adamo ed Eva avessero mangiato del frutto dell'albero della vita, sarebbero rimasti per sempre nella condizione di separazione da Dio. Ecco perch era necessario che essi fossero impediti ad avvicinarsi a questo albero che tra l'altro ritroviamo nell'Apocalisse.  
 
Sarebbe bello infatti fare il raffronto tra il testo di Ap 22 dove ritroviamo quest' "albero" e Genesi.
 

 
Non so. Questa spiegazione non mi convince. E' come se aggiungesse qualcosa che in realt non c'.  
Il versetto dice semplicemente "perche' non viva per sempre". Non potrebbe essere semplicemente legato ad un fatto di "immortalita'"? Il concetto di "separazione da Dio" non compare.
 
newAP

« Ultima modifica: 29.06.2008 alle ore 16:15:32 by newAP » Loggato
salvo
Membro familiare
****




Io so che il mio Redentore vive.

   
WWW    E-Mail

Posts: 1053
Re: Genesi 3:22
« Rispondi #5 Data del Post: 29.06.2008 alle ore 16:26:54 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 29.06.2008 alle ore 16:12:16, newAP wrote:

 
Non so. Questa spiegazione non mi convince. E' come se aggiungesse qualcosa che in realt non c'.  
Il versetto dice semplicemente "perche' non viva per sempre". Non potrebbe essere semplicemente legato ad un fatto di "immortalita'"? Il concetto di "separazione da Dio" non compare.
 
newAP


Ciao Roby,
secondo te quale sarebbe stato il senso del "vivere per sempre" in funzione del mangiare del frutto dell'albero della vita?
 
Provo a fare un raffronto
Per quanto ne sappiamo, Iddio non distrugge ci che crea, e quindi pensare che Iddio "distrugga Lucifero", pare essere un controsenso.
Tutto si corrompe e trova il suo posto, il nuovo uomo nasce sulle rovine del vecchio, il vecchio non viene annullato ma trasformato dal pane della vita
 
Se Adamo ed Eva avessero mangiato dell'albero della vita, sarebbero rimasti in quella condizione di peccato e dunque di separazione da Dio per sempre.
 
Mentre Lucifero essendo spirito, il suo peccato risultato irrimediabile e insanabile, il peccato dell'uomo a mezzo di quel divieto che gli impediva di divenire immortale ma separato da Dio, gli da la speranza di una immortalit con Dio, a condizione che mangi dell'albero della vita quando e come il Signore vorr donargli.   Giov. 6/27
salvo
« Ultima modifica: 29.06.2008 alle ore 16:28:34 by salvo » Loggato

Nick skype Ristoramento
andreiu
Admin
*****




Ges la mia vita

   
WWW    E-Mail

Posts: 5381
Re: Genesi 3:22
« Rispondi #6 Data del Post: 29.06.2008 alle ore 21:26:03 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 29.06.2008 alle ore 16:26:54, salvo wrote:

Ciao Roby,
secondo te quale sarebbe stato il senso del "vivere per sempre" in funzione del mangiare del frutto dell'albero della vita?
 
Provo a fare un raffronto
Per quanto ne sappiamo, Iddio non distrugge ci che crea, e quindi pensare che Iddio "distrugga Lucifero", pare essere un controsenso.
Tutto si corrompe e trova il suo posto, il nuovo uomo nasce sulle rovine del vecchio, il vecchio non viene annullato ma trasformato dal pane della vita
 
Se Adamo ed Eva avessero mangiato dell'albero della vita, sarebbero rimasti in quella condizione di peccato e dunque di separazione da Dio per sempre.
 
Mentre Lucifero essendo spirito, il suo peccato risultato irrimediabile e insanabile, il peccato dell'uomo a mezzo di quel divieto che gli impediva di divenire immortale ma separato da Dio, gli da la speranza di una immortalit con Dio, a condizione che mangi dell'albero della vita quando e come il Signore vorr donargli. Giov. 6/27
salvo

 
Sono concorde con Salvo...
 
Ha aggiunto dettagli alla mia spiegazione...
 
 Occhiolino
Loggato

http://forumbiblico.community.leonardo.it/
newAP
Visitatore

E-Mail

Re: Genesi 3:22
« Rispondi #7 Data del Post: 30.06.2008 alle ore 18:41:23 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio


on 29.06.2008 alle ore 16:26:54, salvo wrote:

Ciao Roby,
secondo te quale sarebbe stato il senso del "vivere per sempre" in funzione del mangiare del frutto dell'albero della vita?
 
salvo

 
Ciao Salvo,  Ciao
 
Non sono in grado di darti una risposta. Pero' e' una spiegazione che non riesce a convincermi del tutto. C'e' troppo ragionamento umano dietro.
Pero' molto probabilmente mi sbaglio.
 
Non fraintendetemi: le mie sono perplessita' da ignorante.
 
newAP

Loggato
JeyJack
Membro familiare
****




Io posso ogni cosa in colui che mi fortifica

   
WWW    E-Mail

Posts: 588
Re: Genesi 3:22
« Rispondi #8 Data del Post: 02.07.2008 alle ore 13:02:27 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 30.06.2008 alle ore 18:41:23, newAP wrote:

 
Ciao Salvo, Ciao
 
Non sono in grado di darti una risposta. Pero' e' una spiegazione che non riesce a convincermi del tutto. C'e' troppo ragionamento umano dietro.
Pero' molto probabilmente mi sbaglio.
 
Non fraintendetemi: le mie sono perplessita' da ignorante.
 
newAP


 
Beh nessun uomo fa un ragionamento che non sia "umano"  Risata L'importante per noi credenti se si parla di cose spirituali, se questi ragionamenti hanno basi bibliche. Nel caso dei fratelli che hanno scritto sopra mi sembra di si  Occhiolino Occhiolino
Loggato

Ges la via, la verit, la vita
newAP
Visitatore

E-Mail

Re: Genesi 3:22
« Rispondi #9 Data del Post: 02.07.2008 alle ore 16:08:02 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio


on 02.07.2008 alle ore 13:02:27, JeyJack wrote:

 
Beh nessun uomo fa un ragionamento che non sia "umano" Risata L'importante per noi credenti se si parla di cose spirituali, se questi ragionamenti hanno basi bibliche. Nel caso dei fratelli che hanno scritto sopra mi sembra di si Occhiolino Occhiolino

 
Quindi intendi che ci sono altri versetti a sostegno di questa ipotesi, vero?  
Loggato
newAP
Visitatore

E-Mail

Re: Genesi 3:22
« Rispondi #10 Data del Post: 30.07.2008 alle ore 15:06:34 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio

per favore, qualcuno potrebbe citarmi altri versetti a sostegno?
 
Grazie
 
newAP
Loggato
salvo
Membro familiare
****




Io so che il mio Redentore vive.

   
WWW    E-Mail

Posts: 1053
Re: Genesi 3:22
« Rispondi #11 Data del Post: 30.07.2008 alle ore 21:37:14 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 30.07.2008 alle ore 15:06:34, newAP wrote:
per favore, qualcuno potrebbe citarmi altri versetti a sostegno?
 
Grazie
 
newAP

Cia roby,
credo che la tua domanda non trover una risposta, cos come la chiedi tu, perch molto articolata e occorre rifarsi a tanti verit, e non semplice, sopratutto in un forum.
 
Occorrerebbe domandarsi per quale ragione Cristo morto, e perch stato reputato da Dio necessario passare per questa strada; non poteva Lui scegliere un'altra strada?
 
Se il mangiare dell'albero della vita in quella condizione sarebbe stato un bene per l'uomo, certo Iddio non sarebbe passato per la croce, mentre invece stato ritenuto necessario impedirgli di mangiare dell'albero della vita, affinch mangiandone non rimanesse per sempre in quella condizione.
 
Stranamente la via dell'esilio dall'Eden un grandissimo segno d'amore da aprte di Dio.
Nello stesso tempo credo sia necessario considerare che la creazione frutto di un disegno fatto avanti la fondazione del mondo, e quindi comunque rispondente a ci che Iddio sapeva gi.
 
Inoltre, Iddio ha conservato No e la sua famiglia per non ricreare l'uomo, il che sarebbe come ammettere un fallimento, cosa assurda per Dio che cos facendo non sarebbe il DIo che .
 
Quella creatura (l'uomo)andava salvaguardata e per farlo era necessario allontanarlo da quel luogo che gi una volta ne aveva guastato la vita in modo rimediabile, ma se avesse disobbedito la seconda volta il suo male sarebbe stato irreversibile; chi poteva garantire che non avrebbe di nuovo disobbedito, se Dio gli avesse detto di non mangiare dell'albero della vita?
 
Io, dice il Signore, Io lo conoscer, il cuore dell'uomo; Ger 17
 
Lui sapeva e quindi ha provveduto affinch di quell'albero, l'uomo ne mangiasse nella via dell'ubbidienza e non al contrario; l'albero della vita, da la vita eterna, e chi ne mangia vive per l'eternit.
 
Questa la promessa che si legge nei primi capitoli di Apocalisse, a conclusione dell'opera di Dio, tutti coloro che avranno ubbidito ne mangeranno e vivranno con Lui per sempre.
 
Sono solo cenni per farti capire quanto sia articolata una risposta in merito.
Loggato

Nick skype Ristoramento
newAP
Visitatore

E-Mail

Re: Genesi 3:22
« Rispondi #12 Data del Post: 31.07.2008 alle ore 20:19:15 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio

La tua risposta molto interessante.
Fa riflettere.
Ma mi conferma che a proposito si possono fare solo congetture.
 
Grazie  
 
Roby
 
Loggato
salvo
Membro familiare
****




Io so che il mio Redentore vive.

   
WWW    E-Mail

Posts: 1053
Re: Genesi 3:22
« Rispondi #13 Data del Post: 01.08.2008 alle ore 19:17:49 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 31.07.2008 alle ore 20:19:15, newAP wrote:
La tua risposta molto interessante.
Fa riflettere.
Ma mi conferma che a proposito si possono fare solo congetture.
 
Grazie  
 
Roby

Solo congetture?
Il fatto che Iddio non abbia chiarito secondo noi talune verit, pensi tu che siamo stati lasciati senza luce?
Io credo invece che spesso anzich lasciarci illuminare dal cielo, e qui, tutto diventa per la nostra ragione una congettura, preferiamo soddisfare la nostra ragione perch spesso solo con quella che ci avviciniamo al Signore, e senza di quella tutto rischia di essere considerato congettura.
 
Dico questo solo come una rilfessione e non mi riferisco direttamente a te.
 
Resta per ancora una cosa da comprendere, ovvero come intendiamo Ebrei 11, dove leggiamo che "la fede la sussistenza delle cose che si sperano e la dimostrazione delle cose che non si vedono."
 
Spesso purtroppo vero che la fede, quella razionale, non risucir mai a dimostrare nulla, ma la vita che scorre in coloro che hanno fatto della fede una ragione di vita, gli permette di riconsocere la sapienza di Dio dovunque, in qualunque cosa e sono illuminati per vedere ci che ad altri negato.
Se si legge Matteo 5, il sermone sul monte, ci si accorge subito quale sia l'abisso che separa l'uomo razionale dall'uomo arreso nelle mani di DIo.
 
La povert di spirito messa a capofila di una serie di beatitudini che non trovano nella ragione alcun sostegno, e pure Ges dice: "Il regno dei cieli loro;........"
A coloro che cercano di tracciare la manifestazione del regno di Dio, Ges risponde dicendo: "Il regno di Dio dentro di voi".
 
Ma non ti voglio tediare oltre.
Salvo
Loggato

Nick skype Ristoramento
ZioFrank
Membro familiare
****




Ges il Signore!

   
WWW    E-Mail

Posts: 524
Re: Genesi 3:22
« Rispondi #14 Data del Post: 02.08.2008 alle ore 00:32:29 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 01.08.2008 alle ore 19:17:49, salvo wrote:

Solo congetture?
Il fatto che Iddio non abbia chiarito secondo noi talune verit, pensi tu che siamo stati lasciati senza luce?
Io credo invece che spesso anzich lasciarci illuminare dal cielo, e qui, tutto diventa per la nostra ragione una congettura, preferiamo soddisfare la nostra ragione perch spesso solo con quella che ci avviciniamo al Signore, e senza di quella tutto rischia di essere considerato congettura.
 
Salvo

 
Concordo.  Sorriso
 
La nostra, purtroppo, spesso una fede molto "intellettuale", molto cerebrale: consiste, cio, nel credere che ci che Dio ha detto vero, ma non nel credere che ci che ha promesso si avverer.
 
Un caro abbraccio.  Sorriso
Loggato
Pagine: 1 2  torna su Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa

« Nessun Topic | Prossimo Topic »

Evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl ‐ P.IVA 01264890052 ‐ Privacy policy