Progetto Archippo - Seminari a domicilio
Benvenuto Visitatore. Fai Login o Registrati.   Regolamento Leggi il regolamento completo

Indice Indice   Help Help   Cerca Cerca   Utenti Utenti   Calendario Calendario   Login Login   Registrati Registrati

 
   I Forum di Evangelici.net
   Utilit varia
   Archivio discussioni

   Il Crocefisso
« Topic Precedente | Prossimo Topic »
Pagine: 1 2  vai in fondo Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa
   Autore  Topic: Il Crocefisso  (letto 1709 volte)
salvo
Membro familiare
****




Io so che il mio Redentore vive.

   
WWW    E-Mail

Posts: 1053
Il Crocefisso
« Data del Post: 24.11.2002 alle ore 15:30:48 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Se oggi, dopo ormai duemila anni,  lontani da quei tempi e da quella cultura, dove la croce era considerata uno scandalo dai giudei e una pazzia dai greci, noi fossimo chiamati a parlare di quella croce e di quel crocefisso, quali parole useremmo?
 
La ragione pu darci forse qualcosa di pi della fede?
 
La cultura che cambia con le generazioni ha la capacit di farci capire il senso delle cose?
 
Perch suscit tanto scalpore nel popolo ebraico quella scritta "INRI" posta sulla croce?
 
Chi sa parlarci in maniera viva di quei momenti tremendi e di quel grido di grande dolore: "Sorridenteio mio, Dio mio, perch mi hai lasciato"?
 
E pensare che il cristianesimo porta ad emblema quella croce.
Loggato

Nick skype Ristoramento
agata
Membro familiare
****



Io so che il mio redentore vive

   
WWW    E-Mail

Posts: 428
Re: Il Crocefisso
« Rispondi #1 Data del Post: 30.11.2002 alle ore 14:55:04 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 24.11.2002 alle ore 15:30:48, salvo wrote:

 
E pensare che il cristianesimo porta ad emblema quella croce.

 
Caro Salvo
 
Io stessa non porto la croce come emblema. Semmai porto il pesce o la stella di Davide che ho acquistata in Israele.
 
Per quando sto davanti a una croce, sia che quando vado a vedere delle chiese dall punto di vista artistico. (Mi piace girare il mondo), la croce mi f tanta impressione. Nella croce vedo un grande atto d'amore verso noi peccatori che se non avessimo Ges saremo condannati alla pena eterna. Le braccia sbalancate di Ges, sono un invito di immenso d'amore. Non posso fare a meno di essere profondamente toccata quando vedo una croce.
 
Un inno, non so se lo conosci:
 
[/b]
 
Su quel colle fatal!
io ramiro per f
Quella croce che parla d'amor.
Su quel legno crudel,
fu immolata per me
quell'offerta che lava il mio cuor.
[b]

Ora guardo a quel lengo lass,
rozza croce che sanguina ancor
essa accolse il mio caro Ges
per offrirli la morte e il dolor.
 
Quella croce per me
un sussuro al mio cuor
Una voce di sangue e dolor
Essa dice che un di
fu immolato e mori
Ges Cristo, mer me peccator.
 
Si fa buio nel ciel,
su quel monte fatal
Ogni cosa nell'ombra scompar,
Ma dirada quel vel
una chiaror celestial
E' la croce che brilla e appar.
 
La croce la nostra salvezza compiuta da Ges Cristo, nostro Salvatore. Fatto avvenuto 2000 anni fa, storicamente approvato. Chiunque accetta questo sacrificio e chiede perdono dei suoi peccati salvato. E riceve con esso tutte le promesso fatte nella bibba. Siamo eredi di Cristo Ges. Con la salvezza ci ha donato tutte le promesse e le sue ricchezze.  
 
A lui sia gloria.
Loggato
salvo
Membro familiare
****




Io so che il mio Redentore vive.

   
WWW    E-Mail

Posts: 1053
Re: Il Crocefisso
« Rispondi #2 Data del Post: 30.11.2002 alle ore 17:49:44 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Cara Agata, intanto ti ringrazio per avere risposto alla mia riflessione; vorrei comunque ricordare che l'eternit porter come segno dell'amore di Dio i buchi nelle mani e il foro nel costato del Salvatore, che poi uno porti il pesce o la stella di Davide come emblema della propria fede o appartenenza, una scelta personale.
 
Certo che il messaggio di Dio agli uomini non pu oggi essere diverso da allora e quindi resta sempre lo stesso, ci che cambia la nostra sensibilit verso quel messaggio.
Loggato

Nick skype Ristoramento
bruno
Simpatizzante
**



W questo FORUM!!!

   
WWW    E-Mail

Posts: 29
Re: Il Crocefisso
« Rispondi #3 Data del Post: 30.11.2002 alle ore 19:37:36 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Caro Salvo,
hai sollevato un argomento che giusto affrontare.
Personalmente quando parlo "della croce" mi riferisco non ad un pezzetto di legno che riproduce pi o meno la croce su cui mor il Signore, da appendere magari al collo...ma piuttosto al fatto della croce ed al messaggio della croce (ed il brano biblico a cui penso di pi quello che hai gi citato di 1 Corinzi 1).  
Si tende a parlare poco della croce, anche tra le chiese...
perch vuol dire parlare della morte di Ges...e ci vuol dire che dobbiamo riconoscere che siamo dei peccatori...il che non ci fa tanto piacere...
anche quando si evangelizza si pensa che si debbano presentare argomenti pi attraenti...invece solo la pazzia della croce la potenza di Dio per la nostra salvezza!!!
Loggato
alessia
Admin
*****





   
WWW    E-Mail

Posts: 1306
Re: Il Crocefisso
« Rispondi #4 Data del Post: 30.11.2002 alle ore 19:39:35 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Sapete, ogni volta che vedo una croce in una chiesa o ne sento parlare mi colpisce il fatto che venga chiamato "crocifisso". Ed giusto che sia cos per tutti coloro che alla croce hanno lasciato appeso il Signore.
Le croci storiche a me fanno un effetto totalmente diverso. Cercano di farmi ricordare una sofferenza perpetua del Signore che invece, dopo aver sofferto tutto per ed essere morto regna invece glorioso nei cieli.
Tempo fa ho trovato che in Svezia qualcuno usa una croce con la sagoma vuota del Cristo risorto.
Mi piaciuto il concetto! Cristo s morto, ed grazie al suo sangue che siamo salvi, ma se dopo essere morto non fosse anche risorto abbandonando la croce quel sangue sarebbe stato sparso invano.
Che ne dite?
Loggato
agata
Membro familiare
****



Io so che il mio redentore vive

   
WWW    E-Mail

Posts: 428
Re: Il Crocefisso
« Rispondi #5 Data del Post: 30.11.2002 alle ore 21:33:35 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 30.11.2002 alle ore 19:39:35, alessia wrote:
Cristo s morto, ed grazie al suo sangue che siamo salvi, ma se dopo essere morto non fosse anche risorto abbandonando la croce quel sangue sarebbe stato sparso invano.
Che ne dite?

 
Cara Alessia, hai ragione, ci che dici tutta la nostra speranza e fede.  
Ges risorto ed ora siede in gloria alla destra dell padre come Re dei Re e Signore dei Signori e abita nei nostri cuori per lo spirito santo.  
 
Ti abbraccio nell'amore dell Signore, Agata
« Ultima modifica: 30.11.2002 alle ore 21:34:41 by agata » Loggato
salvo
Membro familiare
****




Io so che il mio Redentore vive.

   
WWW    E-Mail

Posts: 1053
Re: Il Crocefisso
« Rispondi #6 Data del Post: 01.12.2002 alle ore 16:37:18 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Se l'eternit perpetuer il ricordo di quella morte, sicuramente necessario che la chiesa non dimentichi o sottovaluti quella realt, di fronte alla quale l'universo ha tremato, ma altrettanto vero che la dove quella morte ha portato qualche risultato si parla di resurrezione e quindi di vita nuova all'insegna della purificazione e della santifcazione, due concetti cristiani molto travagliati e legati spesso alla personale interpretazione.
 Il soggetto comunque Cristo Ges il Signore, il crocefisso Lui, Lui che morto per donarci la vita.  
Potremmo mai dimenticare qualcuno che ha messo la sua vita al posto della nostra?
Il lavoro dello Spirito Santo ricordare ogni volta che necessario che Cristo morto per i miei peccati, Lui che stato fatto giustizia di Dio per noi, come possiamo dimenticare, o come possiamo sottovalutare.
Lui morto una volta per  sempre e per tutti, ma di quella morte realizzeremo solo quanto lo Spirito Santo riuscir a farci realizzare e tutto legato al concetto di bisogno che abbiamo del Salvatore;  gli slogan che spesso vengono usati per convincere, per invogliare la gente a credere in Cristo sono spesso discutibili, e il messaggio della croce, unica via di redenzione passa in secondo piano.
Zaccaria narra dicendo che verranno i giorni in cui il Signore spander lo Spirito di grazia e di supplicazioni sul suo popolo, ed essi contempleranno colui che hanno trafitto, ne faranno cordoglio come si fa per un figlio unico.
 
Relegare la salvezza ad un atto unico, una tantum, quantomai errato, perch sarebbe come dire che dal momento in cui abbiamo creduto, da quel momento in poi non pecchiamo pi e quindi del Salvatore non sappiamo cosa farne.
Le conosco anche io quelle parole che dice Giovanni:" se alcuno in Cristo esso una nuova creatura", ovvero:" chi nato da Dio non pecca".
Qualcuno per dovrebbe spiegarmi che il lavoro di convincimento dello Spirito Santo avviene anch'esso una tantum, solo cos forse riuscir a capire che di Colui che morto sulla croce per me posso anche non parlarne col cuore nelle mani, con la gratitudine di un condannato alla morte che ha scampata la  vita, con la felicit e la riverenza di un mendicante elevato agli onori della gloria di Dio per la morte del Cristo.
 
Il canto che Agata ha trascritto per noi e che conosco, grazie Agata, non pu ne deve essere confinato fra i ricordi ma deve essere vivo in noi, perch per quella morte che gioiamo di grande letizia, letizia mitigata dalla visione delle sofferenze del Cristo, ingigantita dal dolore che coglie coloro che si rendono conto che Ges stato crocefisso al nostro posto.
 
Del resto, il popolo antico fu invitato a non dimenticare quello che il Signore aveva fatto per loro, liberandoli dall'Egitto, accompagnandoli nel deserto per quaranta anni e tutto ci nonostante quel popolo gli fu ribelle e di collo duro, non vedo perch oggi dovremmo dimenticare o sminuire quel sacrificio per il quale abbiamo avuta introduzione alla grazia e alla vita eterna.
 
La pasqua stessa, istituita da Dio nell'antico testamento, e illuminata da Ges nella notte in cui fu tradito, di una luce eterna, porta questo invito, questo consiglio, " voi ricorderete la morte del Signore, fino al suo ritorno".
 
Ricordare che cosa?     Il fatto storico?   NO! Molto di pi. Nessuno sa ricordare come si conviene, se il risorto Signore non vive dentro di noi.  
 
Loggato

Nick skype Ristoramento
marghe
Visitatore

E-Mail

Re: Il Crocefisso
« Rispondi #7 Data del Post: 01.12.2002 alle ore 18:49:46 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio


Quote:
gli slogan che spesso vengono usati per convincere, per invogliare la gente a credere in Cristo sono spesso discutibili, e il messaggio della croce, unica via di redenzione passa in secondo piano.  

 
Caro Salvo,
 
io credo che nessuno possa arrivare a Cristo se non attraverso la Croce.  
La nostra fede pu nascere solo dal Suo immenso sacrificio d'amore per noi.
Dice infatti Ges: chi vuole seguirmi prenda la sua croce.
Mi stupisco che ci sia qualcuno che crede di convertire gli altri a colpi di slogan.
Semmai  l'esempio della nostra vita, di quello che facciamo che pu portare gli altri a riflettere, ma ripeto nessuno pu convertirsi senza passare per la Croce.
Pace a tutti
 
Loggato
Virus
Membro supporter
*****



He died for me... and now I live for Him!

   
WWW    E-Mail

Posts: 5829
Re: Il Crocefisso
« Rispondi #8 Data del Post: 02.12.2002 alle ore 11:05:12 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 30.11.2002 alle ore 19:39:35, alessia wrote:
Sapete, ogni volta che vedo una croce in una chiesa o ne sento parlare mi colpisce il fatto che venga chiamato "crocifisso". Ed giusto che sia cos per tutti coloro che alla croce hanno lasciato appeso il Signore.
Le croci storiche a me fanno un effetto totalmente diverso. Cercano di farmi ricordare una sofferenza perpetua del Signore che invece, dopo aver sofferto tutto per ed essere morto regna invece glorioso nei cieli.
Tempo fa ho trovato che in Svezia qualcuno usa una croce con la sagoma vuota del Cristo risorto.
Mi piaciuto il concetto! Cristo s morto, ed grazie al suo sangue che siamo salvi, ma se dopo essere morto non fosse anche risorto abbandonando la croce quel sangue sarebbe stato sparso invano.
Che ne dite?

 
Ciao Alessia,
prendo spunto dalle tue parole per dire che io porto una collana con una croce senza Cristo. Perch come ben stato ribadito pi volte il nostro Salvatore non rimase appeso a lungo su quella croce, ma dopo 3 giorni ritorn in vita.
Porto la collana perch mi stata regalata e perch ogni tanto mi ricorda non solo il sacrificio di Ges, ma anche la sua vittoria sulla morte e sul peccato.
 
La croce era odiata dai giudei perch era una pena di morte usata dai romani un po' in tutto l'impero (ma applicabile solo agli stranieri, cio a tutti quelli che non erano romani).
La morte sulla croce era pubblica, tutti potevano assistere alle crocifissioni (era un monito per tutto il popolo), ma nello stesso tempo nessuno poteva avvicinarsi ai condannati (vi erano delle guardie che sorvegliavano). Ges non ha scelto il tempo ed il luogo del Suo sacrificio a caso, ma ha fatto in modo che fosse un modo pubblico affinch tutti potessero vedere.
« Ultima modifica: 04.12.2002 alle ore 19:27:23 by Virus » Loggato

Nessuna parola cattiva esca dalla vostra bocca, ma se ne avete una buona per l'edificazione, secondo il bisogno, ditela affinch conferisca grazia a quelli che ascoltano ( Efesini 4:29 )
crystal
Osservatore
*



W questo FORUM!!!

   
WWW    E-Mail

Posts: 0
Re: Il Crocefisso
« Rispondi #9 Data del Post: 03.12.2002 alle ore 14:03:08 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Credo che la scelta della maggioranza evangelica di non adottare la croce come simbolo, sia dettata dalla paura che molte persone fraintendano, facendo di essa un oggetto di culto. Ed una scelta che rispetto profondamente, se penso che dopo il 2000 ci sono ancora credenti che insegnano ai neofiti a pregare con gli occhi chiusi, immaginando la figura di Ges o ad invocare il sangue di Ges (dimenticando l'opera di Cristo), come se il sangue fosse una persona.
D'altro canto la croce la dobbiamo portare tutti noi nel nostro cuore.  
Penso allo stesso modo che l'atteggiamento di Virus e altri sia condivisibile, perch non c' cosa pi bella che testimoniare agli altri dell'amore che Dio ha per noi anche mediante un simbolo che spesso parla meglio di quanto saprebbe fare la nostra bocca. Anche in una chiesa che frequento, c' un immagine della croce (in realt la croce non si vede, ma c'. Non saprei come descriverla, ma lo stesso simbolo che potete trovare in una chiesa valdese). Ma nessuno lo sa, e forse meglio cos. Inoltre posso testimoniare di aver partecipato ad un raduno. In quel giorno nel giardino era posta una croce di legno. Tutti coloro che volevano chiedere qualcosa al Signore per fede potevano mettere un bigliettino proprio l, dove abbiamo ricevuto la vittoria. L'ho fatto anch'io e Dio ha esaudito.  
Con ci, per non fraintendetemi, non sto dicendo che la croce come immagine salva e guarisce, ma importante l'atto del nostro cuore e il ricordo della salvezza impresso nella nostra vita. La croce deve essere nei nostri pensieri, nel nostro cuore (e se qualcuno la porta  sul suo corpo io personalmente non ci si dovrebbe scandalizzare), perch ci ricordiamo che non c' peccato che Dio non possa perdonare a noi. La croce la nostra forza, quando l'avversario vorrebbe umiliarci e dirci: non sei degno, non vali niente.  
Grazie Ges!
 
Loggato
salvo
Membro familiare
****




Io so che il mio Redentore vive.

   
WWW    E-Mail

Posts: 1053
Re: Il Crocefisso
« Rispondi #10 Data del Post: 03.12.2002 alle ore 18:27:48 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

I simboli non dovrebbero scandalizzare nessuno, ma la loro importanza puramente simbolica, in quanto alla corce di Cristo, quella stat una dura realt, e la causa di quella croce stato il peccato degli uomini, e come qualcuno ha detto, quella croce deve essere portata nel cuore per tutta la vita.
Il tema comunque ha altri risvolti che sarebbe interessante esaminare.
Loggato

Nick skype Ristoramento
alessia
Admin
*****





   
WWW    E-Mail

Posts: 1306
Re: Il Crocefisso
« Rispondi #11 Data del Post: 04.12.2002 alle ore 01:04:27 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Toccando il tema dei simboli, in effetti non dovremmo aver bisogno di cercarli altrove ... Ges ce ne ha lasciati cos tanti ...
E' proprio per rammemorare quella morte unica nella storia che, insieme alla resurrezione, ha segnato il nostro passaggio dalla morte alla vita che Ges istitu l'ultima cena. Perch la Chiesa non dimenticasse, proprio come il popolo d'Israele, la misericordia e la grazia redentrice di Dio.
"In memoria di me" diceva il Signore ed con i simboli del pane e del vino che dovremmo riuscire a ricordare, in comunione fraterna, quell'ultimo sacrificio che ci ha salvato per l'eternit.
Loggato
Massimo 21
Simpatizzante
**



Gesu' GIOIA !!!

55078563 55078563    
WWW    E-Mail

Posts: 34
Re: Il Crocefisso
« Rispondi #12 Data del Post: 10.12.2002 alle ore 15:14:25 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


Carissimi fratelli, scrivo questo post per complimentarmi con marghe per quello che ha scritto:  
 
[/b] Caro Salvo,  
io credo che nessuno possa arrivare a Cristo se non attraverso la Croce.  
La nostra fede pu nascere solo dal Suo immenso sacrificio d'amore per noi.  
Dice infatti Ges: chi vuole seguirmi prenda la sua croce.  
Mi stupisco che ci sia qualcuno che crede di convertire gli altri a colpi di slogan.  
Semmai  l'esempio della nostra vita, di quello che facciamo che pu portare gli altri a riflettere, ma ripeto nessuno pu convertirsi senza passare per la Croce.  
Pace a tutti [b]

 
E' verissimo: Credo che quello che conta di pi l'esempio della nostra vita la nostra migliore testimonianza. E' la pratica e non la teoria che conta. E poi personalmente quando prego, se rivolgo i miei occhi a Ges sulla Croce, beh mi sento ancora pi vicino (ma questo una cosa soggettiva..credo).
 
God bless You all
Un abbraccio sincero
Massimo
 
Loggato
salvo
Membro familiare
****




Io so che il mio Redentore vive.

   
WWW    E-Mail

Posts: 1053
Re: Il Crocefisso
« Rispondi #13 Data del Post: 10.12.2002 alle ore 22:18:19 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Io non mi stupisco affatto, cara margherita, perch Ges stato seguito dalla moltitudine fino ai piedi del monte, fino a quando c'era da mangiare e da bere, fino a quando Ges guariva, liberava, ma alla croce sono saliti solo in pochi ei discepoli stessi non vi sono saliti, tranne Giovanni e la Madre di Ges.
Tutti guardavano da lontano quello spettacolo triste allora, figuriamoci oggi, che abbiamo libert di religione, dove i proseliti non si contano pi, e si gestisce la Cosa divina, con superficialit, ma con molta dottrina.
Io non mi esalterei cos tanto, perch una cosa essere credenti, un'altra essere figli di Dio di nome e di fatto.
Ribadisco che molti si consolano con la dottrina, ma Cristo, il mio e il tuo Redentore sono un'altra cosa.
Dov' il dolore che cresce, nella misura in cui cresce la percezione del valore del peccato, dov' lo Spirito di grazia e supplicazioni che ci fa guardare a Cristo sul quale si posato tutto il peso del mio e del tuo peccato?
Loggato

Nick skype Ristoramento
marghe
Visitatore

E-Mail

Re: Il Crocefisso
« Rispondi #14 Data del Post: 11.12.2002 alle ore 19:04:39 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio

Caro Salvo,
 
io non mi esalto per niente al pensiero della croce, perch credimi ci sono voluti anni prima che io riuscissi ad accettarla.
Se ognuno di noi riesce a portare la propria croce, accettando la volont del Signore, credo sia gi a buon punto nel suo cammino. Questa la mia opinione personale, pu darsi che altri abbiano fatto esperienze diverse, qualcuno d molta importanza alla dottrina, qualcun altro ai doni dello Spirito Santo, ognuno ha un suo cammino personale.
In quanto alla percezione del peccato, mi sembra che ci sia molta confusione in proposito, perch quello che per me pu esser peccato per un altro non considerato tale o viceversa, ma qui sarebbe necessario aprire un'altra discussione.
Loggato
Pagine: 1 2  torna su Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa

« Topic Precedente | Prossimo Topic »

Evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl ‐ P.IVA 01264890052 ‐ Privacy policy