Progetto Archippo - Seminari a domicilio
Benvenuto Visitatore. Fai Login o Registrati.   Regolamento Leggi il regolamento completo

Indice Indice   Help Help   Cerca Cerca   Utenti Utenti   Calendario Calendario   Login Login   Registrati Registrati

 
   I Forum di Evangelici.net
   Benvenuti
   Le notizie e gli articoli di evangelici.net
(Moderatori: saren, Asaf)
   Corruzione: un sommerso su cui far luce
« Topic Precedente | Prossimo Topic »
Pagine: 1  vai in fondo Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa
   Autore  Topic: Corruzione: un sommerso su cui far luce  (letto 789 volte)
marco
Amministratore
*****






   
WWW    E-Mail

Posts: 2946
Corruzione: un sommerso su cui far luce
« Data del Post: 17.09.2014 alle ore 17:37:04 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

A Formigine un dialogo promosso dagli evangelici
 
Domenica 14 settembre si tenuta presso la Sala della Loggia la conferenza Facciamo luce sulla corruzione organizzata dall'Associazione Evangelica Formiginese, col patrocinio del Comune di Formigine e dell'Alleanza Evangelica Italiana. Franco Richeldi, ex sindaco di Formigine per due mandati (dal 2004 al 2014), e Giuseppe Rizza, professore nel Dipartimento di Economia e Management dell'Universit di Trento, si sono susseguiti in due interventi densi che hanno fornito alle oltre ottanta persone presenti numeri, strumenti interpretativi e proposte di percorsi per far luce sulla corruzione e contrastarla. Fenomeno che non conosce una collocazione geografica, etnica o culturale specifica, la corruzione avvertita nel nostro Paese in modo molto forte (dal 97% degli italiani), come nel resto del mondo, tanto da riuscire a ipotizzare a livello europeo un costo economico di circa 120 miliardi di euro (60 nella sola Italia, secondo la nostra Corte dei Conti). Rizza ha mostrato come la corruzione abbia avuto letture anche divergenti da parte degli stessi economisti (uninefficienza di un sistema sottosviluppato o un male necessario di un sistema troppo rigido).  
 
Non si parlato solo di costi economici, ma anche di costi sociali. La corruzione mina la democraticit di un Paese, declassa i diritti dei cittadini in favore di privilegi per pochi. Ci rimette una sana politica, una sana imprenditoria, un sano welfare, una sana vita civile.
 
Fra i due interlocutori si registrato un dialogo piuttosto che un dibattito. Richeldi, con un taglio pi politico, ha promosso lespressione di unindignazione sociale di fronte a fenomeni corruttivi che si fondi su unetica della trasparenza e una sua testimonianza incarnata. Questo non senza accompagnarsi a necessarie riforme fra poteri economici e poteri politici (per demolire i privilegi di casta), a una cultura e uneducazione alla legalit (anche a livello professionale, imprenditoriale e politico), a modelli di trasparenza, di monitoraggio e di controllo fiscali sempre pi efficaci, insieme all'applicazione di condanne effettive e tempi della magistratura pi equi. In ultimo, il punto maggiormente condiviso fra i due oratori, un progetto comunitario da salvaguardare.
 
Con un contributo di taglio pi accademico ma concreto, Rizza si riconosciuto dentro lalveo delle iniziative promosse dallAlleanza Evangelica Mondiale attraverso lagenzia della Sfida di Michea e della campagna Exposed che si occupa di sensibilizzazione e monitoraggio del fenomeno corruzione in vista degli Obiettivi del Millennio dell'ONU (in questo caso il primo). Convergendo sulla necessit di uneducazione preventiva, a sostegno di una cittadinanza consapevole dei propri diritti/doveri e per costituire un ambiente sempre pi inospitale allillegalit, ha inoltre identificato tre percorsi per contrastare la corruzione che vanno intersecati. Se non basta unicamente sanzionare il fenomeno, n sufficiente solo ridurre sistemicamente le opportunit corruttive e le discrezionalit, allora necessario promuovere un'integrit organizzativa e pubblica. Esso si fonda sull'identificazione e costruzione di un capitale sociale che sostiene l'interesse pubblico. Di fronte a un patrimonio sociale e collettivo che viene difeso con integrit il fenomeno corruttivo scema. Per Rizza, il punto chiedersi quale patrimonio sociale vogliamo difendere.
 
Nel successivo dibattito con l'uditorio si sottolineato quanto cruciale sia costituire e partecipare a reti associative che presidino lo spazio pubblico, e quanto la superficialit e il disinteresse costituiscano un ricco humus per la corruzione.
 
L'esperienza del dialogo avuto ieri ha dimostrato che possibile concretamente essere cittadinanza attiva, partendo da presupposti e identit diverse, ma convergendo su un unico obiettivo. La societ pu appoggiarsi su un evangelismo pensante e attivo, e il mondo evangelico non pu permettersi di tirarsi indietro.
Loggato

...io sono debole, allora sono forte. (2Corinzi 12:10)
Pagine: 1  torna su Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa

« Topic Precedente | Prossimo Topic »

Evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl ‐ P.IVA 01264890052 ‐ Privacy policy