Progetto Archippo - Seminari a domicilio
Benvenuto Visitatore. Fai Login o Registrati.   Regolamento Leggi il regolamento completo

Indice Indice   Help Help   Cerca Cerca   Utenti Utenti   Calendario Calendario   Login Login   Registrati Registrati

 
   I Forum di Evangelici.net
   Dottrina, storia ed esegesi biblica (partecipazione riservata a chi si identifica con i punti di fede di evangelici.net)
   Scritti dei Padri, storia della chiesa e archeologia biblica
(Moderatori: ilcuorebatte, andreiu, Asaf)
   Storia della Riforma protestante in Italia.
« Topic Precedente | Prossimo Topic »
Pagine: 1  vai in fondo Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa
   Autore  Topic: Storia della Riforma protestante in Italia.  (letto 1203 volte)
fra Sandro Savonarola
Visitatore

E-Mail

Storia della Riforma protestante in Italia.
« Data del Post: 07.01.2010 alle ore 23:35:13 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio

Interess l'Italia del primo Cinquecento: a parte alcuni paesi della Calabria, costituiti da Valdesi, interess soprattutto le citt della penisola e delle isole. Nel Veneto troviamo Anabattisti, In italia si diffuse accanto al Luteranesimo, il Protestantesimo riformato di Zwingli, Bucero e Calvino. In fase iniziale interess una cerchia ristretta di intellettuali e di patrizi, poi penetr nei mercanti, in alcune parti del clero, e si diffuse agli artigiani delle citt, e talvolta in ambienti contadini. Vorrei ricordare il cenacolo napoletano dello spagnolo Juan de Valdez, i cui seguaci, uomini e donne, detti "spirituali" associavano la dottrina della giustificazione per fede ad una piet tutta interiore. Il nucleo di queste dottrine racchiuso nel "Trattato utilissimo del Beneficio Di Ges Cristo" edito anonimo a Venezia nel 1543: oggi sappiamo che l'autore fu il Benedettino Benedetto da Mantova. Aderirono alla Riforma noti prelati come il Vescovo di Bergamo Vittore Soranzo, l'Arcivescovo di Otranto
Pietro Antonio di Capua, e il futuro frate Generale degli Agostiniani, Girolamo Seripando e il frate Generale dei Cappuccini
Bernardino Occhino. Il dissenso religioso assunse proporzioni tali da essere sentito come pericolo non solo per la chiesa ufficiale,  
ma anche per l'ordine costituito: per questo fu represso con sanguinaria ferocia. Nel 1542 riapr ilSanto Officio dell'Inquisizione
nel 1545 fu convocato il Concilio di Trento.. L'inquisizione mand molti al patibolo, mentre alcuni riuscirono a fuggire oltre le Alpi,
tra questi il frate Generale dei Cappuccini Bernardino Occhini e
il teologo Giovanni Diodati.
 
I centri principali della presenza riformata in Italia furono:
la Valtellina: chiesa riformata di Chiavenna,  
il marchesato di Saluzzo,
Torino, Pavia, Cremona, Vicenza, Venezia, Ferrara, Modena e Bologna, Siena, Lucca, Firenze, Messina e NAPOLI.
 
con pace di Joe 75 ho finito la parte storica: mi resta di occuparmi della dottrina della Riforma protestante.
 
fra Sandro Savonarola
« Ultima modifica: 08.01.2010 alle ore 07:34:07 by Sandro » Loggato
Pagine: 1  torna su Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa

« Topic Precedente | Prossimo Topic »

Evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl ‐ P.IVA 01264890052 ‐ Privacy policy