Progetto Archippo - Seminari a domicilio
Benvenuto Visitatore. Fai Login o Registrati.   Regolamento Leggi il regolamento completo

Indice Indice   Help Help   Cerca Cerca   Utenti Utenti   Calendario Calendario   Login Login   Registrati Registrati

 
   I Forum di Evangelici.net
   Dottrina, storia ed esegesi biblica (partecipazione riservata a chi si identifica con i punti di fede di evangelici.net)
   Scritti dei Padri, storia della chiesa e archeologia biblica
(Moderatori: ilcuorebatte, andreiu, Asaf)
   Zwingli e la presenza di Cristo nella Santa Cena
« Topic Precedente | Prossimo Topic »
Pagine: 1  vai in fondo Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa
   Autore  Topic: Zwingli e la presenza di Cristo nella Santa Cena  (letto 1238 volte)
fra Sandro Savonarola
Visitatore

E-Mail

Zwingli e la presenza di Cristo nella Santa Cena
« Data del Post: 16.01.2010 alle ore 15:37:05 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio

L'eucaristia " un memoriale della sofferenza di Cristo, non un sacrificio". Zwingli ribadisce che le parole: "questo il mio corpo" non possono essere prese alla lettera, eliminando cos qualsiasi concezione di una "presenza reale" di Cristo nell'eucaristia. Come un uomo, nel partire per un lungo viaggio che lo far stare per molto tempo lontano da casa, potrebbe dare a sua moglie il suo anello nell'intento di rassicurarla fino al suo ritorno, cos Cristo lascia alla sua chiesa un segno per essere ricordato fino al giorno in cui torner in gloria.
Ma come intendere le parole: " questo il mio corpo"(Matteo 26,26), che sono state la pietra angolare della posizione cattolica tradizionale sulla presenza reale, e che Lutero ha ripreso per la sua difesa della presenza reale? Zwingli sostiene che ci sono "innumerevoli passi della Scrittura in cui ** vuol dire *significa*". Il problema da affrontare dunque di sapere se le parole di Cristo in Matteo 26: " questo il mio corpo" possano essere intese metaforicamente. E' chiaro ormai che in quel contesto la parola ** non pu essere intesa in senso letterale. Ne consegue che debba essere intesa in senso figurativo o metaforico. Nelle parole "questo il mio corpo", il termine "questo" indica il pane, e il termine "corpo" indica il corpo
che stato messo a morte per noi. Perci la parola ** non pu venir presa in senso letterale, perch il pane non il corpo.
In altre parole la Santa Cena la commemorazione di Cristo in sua assenza. Le parole "questo il mio corpo" sono immediatamente seguite dalle altre: "fate questo in memoria di me", il che suggerisce la commemorazione di una persona che assente (per lo meno fisicamente assente)."  
L'essenziale per Zwingli il rapporto tra il segno e la cosa significata: Zwingli conclude che inconcepibile che il pane possa esser il corpo di Cristo. La Santa Cena per Zwingli una commemorazione di Cristo in sua assenza: Cristo assente sia dal pane che dal vino; la Santa Cena per Zwingli dunque un'assenza reale di Cristo, un memoriale.
 
« Ultima modifica: 17.01.2010 alle ore 14:00:49 by Asaf » Loggato
fra Sandro Savonarola
Visitatore

E-Mail

Re: Zwingli e la presenza di Cristo nella Santa Ce
« Rispondi #1 Data del Post: 16.01.2010 alle ore 23:52:10 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio

Le origini del pensiero di Zwingli sulla Santa Cena si rifanno a un certo Cornelius Hoen, il quale scopr in una Biblioteca olandese gli scritti dell'umanista Wessel Gansfort (1420-89), aventi per oggetto il sacramento dell'eucaristia. Gansfort sviluppava l'idea di una comunione spirituale tra Cristo e il credente. Hoen rielabor quest'idea, sotenendo che la parola latina "est" (=), nella formula in latino "hoc est corpus meum"(=questo il mio corpo), non deve essere interpretata letteralmente, come se significasse "", o " identico a", bens come "significat"(=significa)o (= indica).  
Per esempio, quando Cristo dice: "Io sono il pane della vita"(Giov.6,48) evidentemente non si identifica con una pagnotta, e neppure con il pane in generale. Qui la parola "" va intesa in senso metaforico, non letterale. I profeti dell'antico Testamento hanno certamente detto che Cristo sarebbe divenuto carne, una volta e una volta sola. In messun momento i profeti annunziarono, o gli apostoli predicarono, che Cristo sarebbe, per cos dire, "divenuto pane".
Hoen espresse 2 idee che penetrarono nel pensiero di Zwingli
sull'eucaristia.
1) La prima idea che l'eucaristia sia come un anello che un
giovane d a una ragazza per rassicurarla sul proprio amore
per lei: E' un "pegno": un'idea che si ritrova in tutti gli scritti di Zwingli su tale argomento.
 
"Il nostro Signore Ges Cristo, che ha promesso molte volte di perdonare i peccati del suo popolo e di fortificare le loro anime, mediante l'ultima cena aggiunse alla promessa un pegno, nel caso vi fosse da parte loro una qualsiasi incertezza: allo stesso modo come un giovane, nell'intento di rassicurare la sua donna
(casomai ella avesse qualche dubbio) le d un anello dicendo:
"prendilo, sono io stesso che mi d a te." E lei , nell'accettare l'anello, ha la certezza che lui le appartiene e distoglie il suo cuore da ogni altro pretendente e per compiacere il suo uomo si volge a lui soltanto." Quindi l'eucaristia un pegno.
 
2) La seconda idea sviluppata da Hoen quella della  
commemorazione di Cristo in sua assenza. Quindi l'eucaristia un pegno (esempio 1) ed un Memoriale (esempio 2).
 
 Hoen osserva che le
parole:"questo il mio corpo" sono immediatamente seguite dalle altre: "fate questo in memoria di me", quindi argomenta che
il secondo gruppo di parole suggerisce esplicitamente la commemorazione di una persona che assente (per lo meno
fisicamente assente)".
 
Anche Zwingli sosteneva che la Scrittura usa diversi tipi di linguaggio, perci la parola "" significa talvolta:
 " assolutamente identico a", ma altre volte vuol dire:
"rappresenta" o " significa". Nel suo Trattato "Sulla Cena del Signore" (1526) egli scrive per esempio:
"in tutta la Bibbia troviamo delle figure retoriche, chiamate in greco *tropos*, ossia un parlare metaforico, che va inteso in
senso diverso. Per esempio in Giovanni 15 Cristo dice : "Io sono la vite". Ci significa che Cristo come una pianta di vite nei confronti di noi che siamo sostenuti e cresciamo in lui come  
i tralci crescono nel ceppo(...). Allo stesso modo, in Giovanni 1,
leggiamo: "Ecco l'Agnello di Dio che toglie il peccato del mondo."
La prima parte del versetto un "tropo" , poich Ges non un agnello in senso letterale."
 
Dopo un'analisi un po' noiosa di una serie di testi biblici, Zwingli conclude dicendo che vi sono "innumerevoli passi della Scrittura in cui ** vuol dire *significa* "
Il problema da affrontare dunque di sapere
 
"se le parole di Cristo in Matteo 26:* questo il mio corpo*
possano essere intese metaforicamente. E' chiaro che in quel contesto la parola ** non pu essere intesa in senso letterale.
Ne consegue che deve essere compresa in senso figurativo o metaforico. Nelle parole: *questo il mio corpo*, il termine
*questo* indica il pane, e il termine * corpo* indica il corpo che stato messo a morte per noi. Perci la parola ** non pu venir presa in senso letterale, perch il pane non il corpo."
 
"Il sacramento il segno di qualcosa di santo. Quando dico:
*Il sacramento del corpo del Signore* mi riferisco semplicemente al pane che simbolo del corpo di Cristo,
che fu messo a morte a nostro favore (...).  
Ma il vero corpo di Cristo quello seduto alla destra di Dio,
e il sacramento del suo corpo il pane e il sacramento del suo sangue il vino, cui partecipiamo con rendimento di grazie.  
Ma il segno o sacramento, e la cosa significata non possono essere identici. Perci il sacramento del corpo di Cristo non pu essere il corpo stesso.  
 
Un argomento , usato da Zwingli contro Lutero, riguarda il luogo della presenza di Cristo. Per Lutero Cristo presente nella eucaristia. Zwingli faceva notare che le confessioni di fede (i credi ) e la Scrittura dicono che Cristo attualmente "seduto alla destra di Dio". Zwingli non sapeva affatto dove fosse questo luogo, e non perse tempo per individuarlo, ma - sosteneva - qualunque fosse, ci implica che Cristo non presente nell'eucaristia. Non pu trovarsi in due luoghi nello stesso tempo. Lutero sostiene invece che "la destra di Dio"  
un'espressione metaforica che non va presa alla lettera.
Significa: "la sfera d'influenza di Dio" : non significa affermare che Cristo sia situato in qualche preciso posto della stratosfera, ma vuole dire semplicemente che Cristo presente l dove Dio  
regna.  
In questo dibattito venne dunque ancora una volta in primo piano la questione di sapere quali passi della Scrittura vadano interpretati letteralmente e quali vadano intesi metaforicamente.
« Ultima modifica: 17.01.2010 alle ore 14:01:22 by Asaf » Loggato
u08038
Membro
***



Il giusto per fede vivr.

   
WWW    E-Mail

Posts: 251
Re: Zwingli e la presenza di Cristo nella Santa Ce
« Rispondi #2 Data del Post: 27.04.2010 alle ore 17:29:42 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Evidentemente, se c' una cosa che stona, questa l'espressione: "l'Eucaristia   un'assenza pi che una presenza".
E' un concetto evidentemente confuso attribuire alla frase:"questo il mio corpo" un senso metaforico ed alla frase "siede alla destra di Dio" un senso letterale oltre che geografico.
La promessa: quando due o tre persone si radunano nel mio Nome Io sono in mezzo a loro". Indica la Presenza.
Non discutiamo di consustanziazione o di transustanziazione. ma di Presenza Personale. ok?
Interessante approfondire Zwigli, non posso credere sia cos limitato il suo concetto di Cena.
Concordo ovviamente sul "tropos" che in tutta la Bibbia usato, secondo un criterio semitico. "io sono la vite" "Io sono la porta". "Io sono la Via". Io sono il pane disceso dal cielo.
shalom
Loggato

BARUC HABA BESHEM ADONAI (Benedetto Colui che viene nel nome del Signore)
fratello Sandro
Visitatore

E-Mail

Re: Zwingli e la presenza di Cristo nella Santa Ce
« Rispondi #3 Data del Post: 28.04.2010 alle ore 15:15:05 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio

Caro u08038
trovi uno sviluppo ulteriore di questo argomento nel mio topic
"Zwingli: Teologo dello Spirito Santo".
Loggato
Pagine: 1  torna su Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa

« Topic Precedente | Prossimo Topic »

Evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl ‐ P.IVA 01264890052 ‐ Privacy policy