Progetto Archippo - Seminari a domicilio
Benvenuto Visitatore. Fai Login o Registrati.   Regolamento Leggi il regolamento completo

Indice Indice   Help Help   Cerca Cerca   Utenti Utenti   Calendario Calendario   Login Login   Registrati Registrati

 
   I Forum di Evangelici.net
   Dottrina, storia ed esegesi biblica (partecipazione riservata a chi si identifica con i punti di fede di evangelici.net)
   Scritti dei Padri, storia della chiesa e archeologia biblica
(Moderatori: ilcuorebatte, andreiu, Asaf)
   Il concetto di GRAZIA dal Medioevo alla Riforma
« Topic Precedente | Prossimo Topic »
Pagine: 1  vai in fondo Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa
   Autore  Topic: Il concetto di GRAZIA dal Medioevo alla Riforma  (letto 1255 volte)
fra Sandro Savonarola
Visitatore

E-Mail

Il concetto di GRAZIA dal Medioevo alla Riforma
« Data del Post: 25.03.2010 alle ore 21:20:35 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio

Il termine "grazia" significa "l'immeritato favore divino verso l'umanit". Nel Nuovo Testamento l'idea di grazia si collega agli scritti di Paolo. Nella storia della chiesa cristiana l'autore che elabor il concetto di grazia fu Agostino di Ippona. Durante il Medioevo si immagin la "grazia" come una sorta di "sostanza" sovrannaturale che Dio infonde nell'anima umana per renderne pi facile la redenzione . A favore di tale concezione stava la totale e invalicabile separazione tra Dio e la natura umana. Gli esseri umani, a causa di tale separazione, in nessun modo possono entrare in contatto con Dio: occorre dunque qualcosa che travalichi quella separazione, prima di poter essere accettati da Dio. Quel "qualcosa" appunto la grazia. La grazia era una sostanza, nel Medioevo, e quindi "non un atteggiamento di Dio" come divenne nella Riforma. Secondo la versione biblica in latino detta la "Vulgata" in Luca 1,28 l'arcangelo Gabriele avrebbe salutato Maria dicendole:" Tu..., che sei piena di grazia ("gratia plena"), il che suggeriva appunto l'idea di Maria = un "serbatoio di grazie". Ma, nella Riforma, Erasmo da Rotterdam e Lorenzo Valla avevano dimostrato che il verbo greco era al passivo e significava semplicemente : "Tu che sei stata favorita ", o " Tu, che hai incontrato favore". Come si vede l'idea Medievale di Maria, quale serbatoio di grazie, di fondava in parte su un'errata traduzione di un testo biblico fondamentale, e in parte sull'idea che la grazia fosse una sorta di "sostanza".  
Con la Riforma cambia il concetto di "grazia" che viene vista come "un atteggiamento di Dio" cio "un favore immeritato da parte di Dio" e che sta alla base della dottrina della giustificazione per fede, che uno dei fondamenti della Riforma Luterana in Germania.  
Zwingli e Calvino, attribuivano molta importanza all'idea della sovranit di Dio, che si ricollega al concetto di "grazia" in epoca Riformata.
« Ultima modifica: 25.03.2010 alle ore 21:32:51 by Michele_48 » Loggato
Pagine: 1  torna su Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa

« Topic Precedente | Prossimo Topic »

Evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl ‐ P.IVA 01264890052 ‐ Privacy policy