Progetto Archippo - Seminari a domicilio
Benvenuto Visitatore. Fai Login o Registrati.   Regolamento Leggi il regolamento completo

Indice Indice   Help Help   Cerca Cerca   Utenti Utenti   Calendario Calendario   Login Login   Registrati Registrati

 
   I Forum di Evangelici.net
   Dottrina, storia ed esegesi biblica (partecipazione riservata a chi si identifica con i punti di fede di evangelici.net)
   Scritti dei Padri, storia della chiesa e archeologia biblica
(Moderatori: ilcuorebatte, andreiu, Asaf)
   Calvino:l'Istituzione della religione cristiana
« Topic Precedente | Prossimo Topic »
Pagine: 1  vai in fondo Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa
   Autore  Topic: Calvino:l'Istituzione della religione cristiana  (letto 2345 volte)
fra Sandro Savonarola
Visitatore

E-Mail

Calvino:l'Istituzione della religione cristiana
« Data del Post: 27.03.2010 alle ore 16:17:41 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio

L' "Istituzione della religione cristiana" di Calvino il suo componimento teologico letterario pi importante, che ad ogni edizione, usciva sempre pi amplificato nel contenuto.
La parola "Istituzione" significa in Calvino il cristianesimo come fu istituito in origine e non come si sviluppato (o stato deformato, secondo Calvino) nel Medioevo. La prima edizione, del 1536, dell'Istituzione, ha preso come modello il "Piccolo Catechismo" di Lutero, (edito nel 1529): un'esposizione dei 10 comandamenti e del Credo Apostolico; mentre in Lutero la discussione del Credo comprende il Padre, il Figlio e lo Spirito santo, Calvino aggiunge un'ampia sezione sulla chiesa. Dopo l'esposizione della "Legge", della "fede", della "preghiera" e dei "sacramenti", Calvino include la trattazione sui "falsi sacramenti" e sulla "libert del cristiano". La seconda edizione dell' Istituzione, fu pubblicata da Calvino, nel 1539, quando si trovava a Strasburgo: tre volte pi ampia della prima edizione. I capitoli introduttivi
trattano ora della conoscenza di Dio e della conoscenza della natura umana. Viene aggiunto la trattazione della dottrina della Trinit, il rapporto tra Antico e Nuovo Testamento, il tema della penitenza, la giustificazione per fede, il rapporto tra provvidenza e predestinazione e la natura della vita cristiana. La seconda edizione della Istituzione di Calvino invita ad un confronto con la "Summa Theologiae" di Tommaso d'Aquino. "Lo scopo che mi propongo con quest'opera - scrive Calvino - di preparare e formare gli studenti in teologia per lo studio della Parola di Dio". Il Libro si prefigge di essere una guida alle Scritture, fungendo da manuale e da commentario e inoltre Calvino eleva la sua "Istituzione" a fonte primaria del suo pensiero religioso.
Un'edizione francese della "Instituzione" venne pubblicata nel 1541 ed un'ulteriore edizione comparve in latino nel 1543
con una traduzione in francese nel 1545. Questa edizione, ancora ampliata, contiene ora una ampia sezione sulla dottrina della chiesa o ecclesiologia, una discussione sui
voti religiosi e un capitolo a s sugli angeli. Seguirono alcune edizioni, poco congruenti, cio sproporzionate nella trattazione dei capitoli e degli argomenti, finch nel 1559 il Riformatore Giovanni Calvino decise di rimaneggiare l'intero lavoro: Il materiale ora distribuito in quattro "libri", disposti come segue:
1) La conoscenza di Dio come creatore;
2) La conoscenza di Dio come redentore;
3) Il modo di partecipare alla grazia di Ges Cristo;
4) Gli strumenti esterni o gli aiuti che Dio utilizza
 per condurci a Ges Cristo.
 L' "Istituzione" si attest d'allora (1559) in poi saldamente
come l'opera teologica pi influente della Riforma protestante, superando in importanza i lavori di Lutero e Zwingli.
Motivi di successo Calvinista e di insuccesso Luterano nei secoli a venire.
Il successo della "Istituzione" del 1559 dovuto alla sua eccellente organizzazione interna, laddove Filippo Melantone,
un successore di Lutero produsse il modello definitivo per le opere luterane di teologia sistematica nel 1521, con la pubblicazione del suo "Loci Communes". Nella sua prima edizione quest'opera trattava in modo semplice e divulgativo
gli argomenti rilevanti per la Riforma luterana. Tuttavia, gradualmente, le considerazioni polemiche e pedagogiche obbligarono Melantone ad ampliare considerevolmente la sua opera. Egli affront questa sfida in modo inadeguato, aggiungendo del nuovo materiale, senza tener conto dell'impressione di mancanza di una struttura unitaria, che ne derivava: divenne evidente che questo modo di affrontare la materia era male impostato, incapace di raggiungere il livello di analisi sistematica , richiesto dai dibattiti teologici della fine del XVI e del XVII secolo.
Calvino, invece, lasci ai posteri una struttura profondamente sistematica e organizzata, che si dimostr pienamente adatta, non solo ai bisogni della sua generazione, ma anche a quelli dei secoli a venire. Il Luteranesimo non si mai veramente ripreso dalla falsa partenza datagli da Melantone; il dominio intellettuale nel
protestantesimo da parte dei teologi della tradizione riformata dovuto sia alla sostanza, sia alla struttura della edizione definitiva della "Istituzione" di Calvino del 1559.
L' "Istituzione" di Calvino fu ampiamente letta e apprezzata nell'Europa occidentale, fino al punto da essere spesso citata
ampiamente in altri lavori. Il trattato anonimo italiano "Il
beneficio di Cristo" (1541) - che rapidamente divenne un "best - seller " religioso, prima di essere distrutto dall'Inquisizione - attinge molto all'edizione del 1539 della
"Istituzione della religione cristiana" di Calvino.  
Oggi "Il beneficio di Cristo" stato ristampato (Claudiana 1975).
 L'opera di Calvino era familiare a molti teologi protestanti di prima linea nei Paesi Bassi verso la fine del 1560. Il libro si afferm rapidamente come una chiara ed elegante introduzione, completa e indipendente, alle idee della seconda ondata della Riforma. L dove il Calvinismo
mise radici a livello istituzionale, stato spesso preceduto, a livello intellettuale dall' "Istituzione".
iL successo dell' "istituzione" di Calvino del 1559 diede origine a un prodotto derivato: il "sommario" o "compendio".
Fin dal XVI secolo circolarono numerose edizioni ridotte di quest'opera, che riscossero un notevole successo commerciale. Thomas Vautrollier, il profugo ugonotto (= calvinista francese) che divenne uno  degli editori  religiosi
pi importanti di Londra, pubblic  due "Guide allo studio" della "Istituzione".  Guillaume Delaune (un altro profugo ugonotto che anglicizz il suo nome in William Lawne) lanci
sette anni dopo un Sommario dell' "Istituzione" di sole 370 pagine : oltre a riassumere Calvino, l'opera forniva schemi o diagrammi  per permettere al lettore in difficolt di seguire la complessa struttura dell'opera. Calvino divenne sempre pi accessibile e comprensibile a una cerchia ancora pi ampia di lettori.
« Ultima modifica: 31.03.2010 alle ore 17:31:56 by Michele_48 » Loggato
Pagine: 1  torna su Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa

« Topic Precedente | Prossimo Topic »

Evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl ‐ P.IVA 01264890052 ‐ Privacy policy