Progetto Archippo - Seminari a domicilio
Benvenuto Visitatore. Fai Login o Registrati.   Regolamento Leggi il regolamento completo

Indice Indice   Help Help   Cerca Cerca   Utenti Utenti   Calendario Calendario   Login Login   Registrati Registrati

 
   I Forum di Evangelici.net
   Vita di chiesa e cammino cristiano
   Famiglia, sessualit, medicina e disabilit
(Moderatori: saren, andreiu, Marmar)
   Riflessioni
« Topic Precedente | Prossimo Topic »
Pagine: 1 2 3  4 vai in fondo Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa
   Autore  Topic: Riflessioni  (letto 2498 volte)
lisa8
Membro
***





   
WWW    E-Mail

Posts: 64
Riflessioni
« Data del Post: 08.02.2007 alle ore 12:11:03 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Pace a tutti! Leggendo i vari topic proposti e i conseguenti dibattiti mi sono sorte alcune riflessioni che vorrei condividere.
Mio marito non era credente e, pur essendo buono come un pezzo di pane, era su una brutta strada causa amicizie sbagliate e poco controllo dei genitori. Ringrazio Dio x avergli, almeno, tenuto lontane le ragazze ed eventuali esperienze sbagliate. In questo modo io ho potuto essere l'unica donna della sua vita e lui l'unico uomo della mia.
Dopo qualche mese che stavamo insieme si convertito (gloria a Dio!) e, cmq, fin dall'inizio non mi sono mai allontanata da Dio, anche se non era credente. Anzi, devo dire che mi sono avvicinata e con lui ne parlavo della Bibbia ecc. Sebbene lui sia ancora un po' acerbo, ci sono amici credenti da sempre che mi hanno detto che c' tanto da imparare dalla fede di mio marito e lo vedo anch'io. Lui va al Padre come un bambino. La sua fede cos sincera e la sua bont meravigliosa, considerando la cattiveria che si nasconde, ahim, anche in mezzo a persone che si dicono credenti.
Ora vi presento una situazione ribaltata. Una mia cara amica che conobbi in chiesa e che, tutt'ora, considero come la sorella che non ho mai avuto (sono figlia unica), si mise insieme ad un credente. Un ragazzo adorabile, famiglia credente, andava in chiesa da quando era nato ecc. e lei era felice di aver trovato un fidanzato cristiano, perch non voleva pi saperne di non credenti. B, io dico che un qualsiasi altro scemo non si sarebbe mai comportato cos male con lei. Lui si totalmente allontanato da Dio e quando erano insieme non voleva saperne di leggere la Bibbia o pregare insieme!  
Questo x dirvi che, a mio parere, ci sono credenti e credenti e non credenti e non credenti. Non si pu generalizzare. Mio marito bestemmiava e quanto altro, ma diventato un vero credente e, cmq, non mi ha mai allontanata dal Signore. Mi ha sempre rispettata x il mio credo, quando non aveva ancora accettato Dio. Invece, questo ragazzo che tutti approvavano, perch era da sempre cristiano, battezzato e tutto, ha allontanato mia sorella da Ges, dicendole anche cose molto cattive.
Questo era il primo punto. Il secondo riguarda la sessualit.  
Premetto che sono una che ha sempre avuto numerosi problemi a lasciarsi andare nell'intimit. Per, non riesco a capire come mai l'intimit tra due persone (e con questo intendo tutto ci che va dalle semplici carezze al rapporto completo) debba essere soltanto visto come un desiderio della carne. A mio avviso, lo diventa se uno si lascia andare a perversioni schifose, o se la prima donna o uomo che incontra che lo attrae ci va a letto, oppure quando non condividi l'intimit con una sola persona x tutta la tua vita, perch vuoi farti delle esperienze e sentire emozioni diverse... ma questo vale non solo x la sessualit, ma x qualsiasi altra cosa. I desideri della carne non rispettano il proprio corpo e la propria anima. Sia questo rubare, o andare a letto con qualcuno solo x piacere.
Se prima di sposarmi desideravo unirmi con mio marito, non mi sento di aver avuto un pensiero impuro. Se avessi desiderato un altro uomo che non fosse lui, allora s, che avrei peccato. Il fatto di desiderare qualcosa non credo debba essere solo attribuito alla carne. Per me qualsiasi cosa abbia riguardato la sfera intima con mio marito, stato ed una condivisione delle nostre anime. Un desiderio che ha la mia anima di essere una cosa sola con la sua. Non della carne. Non so come spiegarmi.
Credo sia importante aver avuto un solo uomo nella mia vita, perch, oltre a Dio, penso che ci debba essere soltanto una persona su questa terra che conosce una parte di te che nessun altro conosce.
 
Pace!
Lisa  
 
Loggato

Ges gli disse: Io sono la via, la verit e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.
lisa8
Membro
***





   
WWW    E-Mail

Posts: 64
Re: Riflessioni
« Rispondi #1 Data del Post: 08.02.2007 alle ore 14:33:47 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Ciao Fossile! Ho letto pi volte i tuoi commenti e in alcuni casi mi sono ritrovata della tua stessa opinione.
Non frequento la chiesa da un po' x motivi vari, ma anche x la profonda delusione che mi ha dato la comunit.  
Per ci tengo a dire che nonostante non frequenti, Dio al primo posto nella mia vita. Non sono lontana da Dio soltanto perch non vado in chiesa, anzi, con tutte le situazioni negative che si erano create nella chiesa che frequentavo, ho una relazione pi intima oggi, che prima.
 
Il Signore ti benedica!
Lisa
Loggato

Ges gli disse: Io sono la via, la verit e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.
saren
Admin
*****



Dio non gioca a dadi... (Albert Einstein)

   
WWW    E-Mail

Posts: 8122
Re: Riflessioni
« Rispondi #2 Data del Post: 08.02.2007 alle ore 14:52:02 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Ciao Lisa, ciao Foss. Ciao
 
Vorrei portare le mie riflessioni e le mie esperienze, in prima e terza persona...
 
Riflessioni...
Sicuramente il desiderio di condividere la propria vita con qualcuno lecito e comprensibile, per, in qualit di persone che hanno accettato Cristo nella propria vita dobbiamo prima chiederci una cosa, fondamentale...
 
Nella nostra scala delle priorit, cosa occupa il primo posto?
 
Da qui si possono poi fare tutti gli ulteriori passi...
 
SE al primo posto c' il mio benessere, i miei desideri, i miei scopi per la mia vita, ecc..., allora giusto che io mi preoccupi di sperare in un rapporto con una persona che in primis mi faccia stare bene e sentirmi amata e da amare...indipendentemente dalla sua fede.
In questo caso, il credo religioso o l'essere ateo, sono ininfluenti;
 
SE al primo posto c' Cristo, allora il mio desiderio non sar di trovare una persona con cui condividere la mia vita, ma sar quello di vivere la mia vita per Cristo, indipendentemente dal fatto di avere o meno una persona al mio fianco, perch il Signore dice chiaramente: Cercate prima il regno e la giustizia di Dio, e tutte queste cose vi saranno date in pi...
Che non vuol dire che se desidero sposarmi e formare una famiglia, non lo chiedo perch c' Cristo al primo posto... vuol dire fare tutta una serie di richieste e di scelte, che per tengano conto dell'oggetto principale della scala delle mie priorit, in questo caso, Cristo...
 
Riflessione: cosa mi porter via quando lascer questo mondo?
La mia vita terrena?
Il mio matrimonio?
La mia famiglia?
 
No, mi porter via il mio aver deciso per Cristo: questa l'unica cosa che influenzer TUTTA la mia vita futura, quella che, per le promesse di Cristo, sar eterna... nel bene o nel male...
 
Adesso scappo, pi tardi vi poster le mie esperienze...
 
Intanto vi abbraccio! Amici
 
Sandra
Loggato
saren
Admin
*****



Dio non gioca a dadi... (Albert Einstein)

   
WWW    E-Mail

Posts: 8122
Re: Riflessioni
« Rispondi #3 Data del Post: 08.02.2007 alle ore 16:02:36 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 08.02.2007 alle ore 15:01:29, Fossile2 wrote:

 
Saren, non sono tanto d'accordo con te. C'e gente che ha Dio come primo posto nella sua vita ed schiava delle predicazioni al punto che riesce ad arrivare a trascurare la famiglia per andare a predicare.  
Eppure, Dio che al suo primo posto.
 
Fossile

 
E no, caro Fossile... qui sta il punto: se queste persone sono schiave delle predicazioni non lo sono di Dio...
Non c' Cristo al primo posto, ma il servizio per Lui: sono due cose ben diverse!
 
Quindi, tornando all'argomento principale del topic, quello che dici mi da un'ulteriore conferma del fatto che spesso crediamo di aver messo Dio al primo posto, ma non cos...
 
Se Cristo in cima alle mie priorit, avr sempre Lui come punto di riferimento e come guida per OGNI scelta che dovr prendere nella mia vita, sia essa il tipo di studi, il lavoro che dovr fare per mantenermi, lo sposarmi o meno e con chi, il diventare predicatore, pastore, monitore e quant'altro...
Perch non l'azione in s che importante, ma che quest'azione sia voluta dal Signore.
 
Eppure, quanti giovani che non trovano moglie o marito domandano al Signore "E' la Tua volont che io non mi sposi?".  
Certo, il Signore ha istituito Lui il matrimonio e ha creato Eva proprio perch non voleva che l'uomo fosse solo, ma pu essere benissimo che al Signore serva che una persona non si sposi, perch ha per lui un piano particolare...  
 
Ora, mettiamo che non sia questo il nostro caso e che il Signore preveda per noi un matrimonio e una famiglia...
preferiamo scegliere noi o lasciare fare a Dio?
 
Posso decidere da me, perch magari incontro una persona che mi piace particolarmente, sono ricambiata e sembra proprio la persona giusta.
Ma se questa persona non quella che il Signore avrebbe scelto per me, sicuramente non sar per il Signore lo strumento che Lui voleva utilizzare al 100%...
 
Magari, nonostante le mie scelte, Lui riuscir ad usarmi comunque, ma non pienamente. E' buono questo? E per ottenere cosa io mi perdo il 100% dell'opera di Dio attraverso la mia vita? Per il matrimonio con una persona diversa da quella che il Signore avrebbe scelto per me?
 
Mettiamoci bene in testa che Dio vuole per noi solo ed esclusivamente il meglio... ma non il meglio inteso come: felicit, ricchezza, ecc....
Per Lui il meglio inteso come il meglio che Lui pu ottenere da noi attraverso il nostro appartenerGli completamente... non siamo esseri passivi che vivono solo nella contemplazione del Signore...
 
Mi allargo un p... Cosa si aspetta Dio da noi?
Si aspetta che noi Lo conosciamo, che Lo amiamo e che Lo serviamo...
 
Parliamo sempre di persone che hanno gi accettato Cristo nella loro vita...
Puoi conoscere Dio e amarLo anche se magari condividi la tua vita con una persona che ti sei scelto tu, anche se bisogna dire che se la persona in questione ti mette i bastoni tra le ruote, crescere nella conoscenza di Dio pi difficile... e puoi amarLo, ma magari non puoi esternare il tuo sentimento per Lui...
Ma come puoi servirLo pienamente? Come puoi impegnarti per l'opera del Signore se la persona che hai a fianco non condivide queste cose con te?
 
Saresti un servitore a mezzo servizio (se ti va bene...)... ed questo che Dio ti chiede?  
Cio, Lui ha dato Suo Figlio in sacrificio vivente per dare a noi la vita eterna e poi noi lo ringraziamo (ho scritto ringraziamo, non ripaghiamo...) con un servizio part-time?
Della serie, se mia moglie o mio marito me lo consentono allora ci sono, senn abbi pazienza Signore...
 
(continua...)
Loggato
lisa8
Membro
***





   
WWW    E-Mail

Posts: 64
Re: Riflessioni
« Rispondi #4 Data del Post: 08.02.2007 alle ore 16:09:46 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Ciao Saren, la famiglia un'istituzione di Cristo e quindi penso che sia buono ricercarla, anche x contrastare il diavolo che tenta sempre di disfare le unioni.
Quando ho incontrato mio marito (avevo quasi 22 anni) erano anni che pregavo Dio x mandarmi l'uomo giusto x me, se era nei Suoi piani. Anche se mio marito non era credente quando ci siamo messi insieme, stata una vera benedizione sia x me che x lui. Dio stava gi lavorando nella sua vita e ha messo me nella sua vita x arrivare alla conversione.
Devo dirti che quando ho capito che era lui l'uomo giusto, ho realizzato che io potevo essere il mezzo x evangelizzarlo e sono stata spinta ancora di pi a mettermi con lui. Io penso che noi Figli di Dio abbiamo qualcosa di speciale e se, attraverso il nostro amore, possiamo essere messaggeri di Dio, ben venga!
Io ho visto un miracolo e ho amato e amo Dio sempre di pi!  
 
Un abbraccio anche a te!
Lisa  
Loggato

Ges gli disse: Io sono la via, la verit e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.
saren
Admin
*****



Dio non gioca a dadi... (Albert Einstein)

   
WWW    E-Mail

Posts: 8122
Re: Riflessioni
« Rispondi #5 Data del Post: 08.02.2007 alle ore 16:26:09 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

(...segue)
 
Certo, tu puoi dire "Ma allora che ci si sposa a fare se poi finisco per trascurare il matrimonio per lavorare per il Signore?"... ma non questo che il Signore ci chiede!
E se succede che un uomo o una donna stanno trascurando la propria famiglia per il servizio reso al Signore, allora il momento di fermarsi e di rimettere davanti a Dio il proprio operato e il proprio impegno per Lui e Dio ristabilir le cose... i rischi ci sono sempre se non facciamo regolarmente una revisione del nostro rapporto con Dio... Ripeto: al primo posto Dio, non il servizio per Lui...
 
Mi addentro nel campo minato delle relazioni tra un credente e un non credente...
 
Vale sempre la regola (perch tale deve essere!), che Dio che deve scegliere per me: questa la conditio sine qua non possibile portare avanti nessun discorso...
 
SE avr messo al primo posto il Signore, mi verr davvero difficile pensare di poter condividere la mia vita con una persona che non s'interessa delle cose del Signore.  
E dato che il Signore brama il nostro servirLo (non dimentichiamoci mai che attraverso le persone che si porta il Vangelo, cio la Buona Novella, ad altri... e noi siamo proprio chiamati a questo!), come pu essere che Lui  metta al nostro fianco una persona che, se non sar in contrasto aperto, potrebbe comunque essere d'impiccio?
 
Certo, ci sono casi in cui, come quello sperimentato da Lisa (anche se non ho ben capito se tuo marito ha accettato Ges prima del matrimonio, cio durante il fidanzamento, oppure dopo...), in cui il partner conosciuto come non credente in breve tempo fa il passo verso Cristo...
 
Ma ci sono moltissimi casi in cui, per anni e anni e magari per sempre, questo non succede  e la persona non credente che abbiamo sposato, rimane tale...
 
Dio ci lascia liberi di scegliere, ma quando poi soffriamo perch non possiamo esprimere pienamente il nostro amore a Dio, non possiamo servirLo come sarebbe il caso, quando ci ritroviamo magari a discutere su tutta una serie di scelte che influenzano anche i nostri figli, beh, non prendiamocela con il Signore...
 
E soprattutto ci sia ben chiaro che il Signore non interviene togliendoci le castagne dal fuoco...
 
Non succeder che ad un 50enne sposato con una non credente, che magari gli abbia impedito di crescere spiritualmente e di servire Dio pienamente, il Signore dica: "Sorridenteai, non preoccuparti... Ora sistemo io le cose; togliamo di mezzo questa moglie che ti sei scelto tu (visto che non hai voluto ascoltarmi...) e te ne do un'altra perfetta per te, che ti ama e ti permette di servirmi... Non ti preoccupare, ci penso io..."
 
Succeder invece, che nonostante i nostri errori, il Signore riuscir ad ottenere da noi comunque il meglio che si pu ottenere... Certo, non sar come quello che Lui aveva progettato per noi, non canceller la sofferenza e le conseguenze della nostra scelta autonoma, non saremo Suoi strumenti al massimo della capacit...  
 
Nonostante noi, il Signore riuscir a lavorare le nostre vite...
 
Ovviamente a noi la scelta...
 
Sandra
Loggato
saren
Admin
*****



Dio non gioca a dadi... (Albert Einstein)

   
WWW    E-Mail

Posts: 8122
Re: Riflessioni
« Rispondi #6 Data del Post: 08.02.2007 alle ore 16:51:52 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Caro Fossile, continuo il mio monologo...
 
Ti riporto le mie esperienze, poi ho finito...
 
E ti chiedo scusa per la lunghezza dei miei interventi, ma un argomento che mi tocca da vicino, quindi...
 
Mio padre ha accettato il Signore quando aveva 17 anni. A 22 ha incontrato mia madre e nel giro di pochi mesi si sono sposati.
Per 30 anni mia madre (cattolica non praticante) ha impedito che mio padre vivesse a pieno la sua vita con il Signore...
Se non erano periodi di aperto contrasto, erano tempi di impedimenti pi sottili, anche pi meschini se vuoi...
Poi c' stato un lungo periodo di tranquillit, in cui mio padre ha potuto  frequentare tranquillamente la chiesa, ma non ha potuto servire il Signore cos come il Signore avrebbe voluto, perch mia madre impediva tutta una serie di cose, che di fatto limitavano troppo mio padre...
 
Dopo pi di 30 anni, finalmente un giorno mia madre ha accettato Ges nella sua vita e mio padre ha potuto cominciare a servire il Signore in un modo differente!
Che gran gioia per lui! E anche per me...
 
Io ho potuto vedere con i miei occhi la trasformazione che avviene in un matrimonio quando entrambi amano il Signore, per davvero...
 
Ma i 30 anni di sofferenza di mio padre, chi glieli ripaga?  
Tutte quelle cose che avrebbe potuto fare per il Suo Signore...non tornano pi...
 
Certo, ora il Signore pu usare pienamente mio padre come Suo strumento prezioso... ma quanto tempo sprecato!
 
Io ho 37 anni. Ho conosciuto mio marito quando ero una ragazzina e nonostante i miei genitori mi dicessero di lasciare perdere perch ero troppo piccola, nonostante mio padre mi dicesse di lasciare perdere perch Mauro non s'interessava affatto delle cose del Signore e nonostante io vedessi con i miei occhi cosa voleva dire un matrimonio tra una persona credente e una no, io ho lo stesso deciso che mi sarei sposata con Mauro...
A quei tempi frequentavo il gruppo giovani, andavo in chiesa, pregavo...pian piano per il mio mondo divent mio marito e i miei figli...
Poi un giorno il Signore buss alla mia porta e io finalmente aprii. Accettare Ges nella propria vita ti cambia completamente!
 
Ma anche se io ero cambiata, la realt intorno a me non cambi... Mio marito non mi ha mai impedito di amare il Signore o di frequentare la chiesa, ma non ha mai capito cosa vuol dire per me camminare con Lui.
Vivo 2 vite parallele, che non s'incrociano mai.
Non ho grossi problemi ad esternare il mio amore e la mia fede in Cristo, anche se agli occhi di Mauro sembro un'aliena, ma non posso servire il Signore al 100% e questo mi fa soffrire...
Sono un servitore a mezzo servizio... magari ad altri questo non fa star male, ma a me si...
 
Forse un giorno anche Mauro accetter il Signore nella sua vita e potremo servirLo insieme: sar una gran gioia!!!!
 
Ma intanto si sta male...e il fatto che Mauro mi ami, che io ami lui, non ripaga per quello che avrei potuto e non ho fatto, perch non il mio amore per Mauro che influenzer la mia vita eterna...
 
Ho finito il monologo, scusa se ti ho tediato...
 
E solo per precisare: io ascolto, eccome!
E la realt anche quella che ti ho presentato: non solo quella che giustifica le tue idee...
 
Tu parli di infiniti casi come quello di Lisa, ma io credo che ci  siano molti, troppi  pi casi diversi dal suo...
 
Comunque, credente o non credente, la cosa principale che sia il Signore a scegliere per noi, tutto qui...
 
Ma siamo disposti a far scegliere a Dio?
 
E soprattutto, Fossile... chi c' al primo posto delle tue priorit?  
 
Ti riabbraccio!
Sandra
 
Loggato
lisa8
Membro
***





   
WWW    E-Mail

Posts: 64
Re: Riflessioni
« Rispondi #7 Data del Post: 08.02.2007 alle ore 16:57:52 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

[quote author=saren link=board=tabu;num=1170933063;start=0#8 date=02/08/07 alle ore 16:26:09](...segue)
 
Certo, ci sono casi in cui, come quello sperimentato da Lisa (anche se non ho ben capito se tuo marito ha accettato Ges prima del matrimonio, cio durante il fidanzamento, oppure dopo...), in cui il partner conosciuto come non credente in breve tempo fa il passo verso Cristo...
 
Rispondo al tuo dubbio. Mio marito si convertito dopo pochi mesi dal fidanzamento, prima del matrimonio, ma come ti ho gi scritto, noi cristiani dobbiamo essere una luce fra le tenebre.  
Dio fa cose meravigliose che neanche ci aspettiamo. Pu cambiare le persone in un modo sorprendente. Nessuna persona mai perduta. Attraverso la preghiera e la speranza dei credenti, Dio pu ancora salvare anche una persona ormai vecchissima in fin di morte e di casi ne ho sentiti.  
Io non sarei cos categorica e non penso che Dio non ci voglia con non credenti in assoluto. La "non credenza" pu essere una situazione iniziale. Io mi sono lasciata guidare da Dio con mio marito. Poi tu puoi dire che non vero, ma la storia non stata cos semplice come sembra. E' tutto nato piano, piano e in maniera un po' complessa da spiegare x messaggio in un forum, cmq, Dio sa.
 
Lisa
 
Loggato

Ges gli disse: Io sono la via, la verit e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.
lisa8
Membro
***





   
WWW    E-Mail

Posts: 64
Re: Riflessioni
« Rispondi #8 Data del Post: 08.02.2007 alle ore 17:04:36 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Saran, pregher x tuo marito! Fidati del Signore!! Pu ancora cambiare il cuore di tuo marito!! Il Signore fa cose grandi, ma abbi sempre fiducia in Lui!!  
 
Un abbraccio forte,
Lisa
Loggato

Ges gli disse: Io sono la via, la verit e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.
saren
Admin
*****



Dio non gioca a dadi... (Albert Einstein)

   
WWW    E-Mail

Posts: 8122
Re: Riflessioni
« Rispondi #9 Data del Post: 08.02.2007 alle ore 17:05:54 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 08.02.2007 alle ore 16:43:23, Fossile2 wrote:
Se Dio sceglie al posto mio ogni cosa allora che serve avere un cervello, pensare, fare errori e crescere, ed imparare?
Se fai delle affermazioni di questo tipo, supportale teologicamente.
 
Non sono riuscito a trovare la citazione ma mi pare che Paolo, parlando delle giovani vedove (in corinzi) dica "sono libere di sposarsi CHI VOGLIONO" (purch lo facciano nel Signore, ma questo non vuol dire che Dio a scegliere il nuovo marito). Se valido per le vedove giovani, vale anche per chi cerca moglie e marito.
 
Questa mentalit del Dio che sceglie la donna per noi, figlia di un vangelo del benessere, una cosa che ci pu autorizzare a dare la colpa a Dio e a non essere caricati di responsabilit nei confronti delle persone che sceglieremo come compagna di vita.
 
Fossile

 
Ti rispondo al volo... mi sa che non pi un monologo, vero?  Occhiolino Linguaccia  Risata2
 
Il Signore ci lascia liberi di scegliere: quando seguiamo le Sue direttive otteniamo il meglio, vero... mentre se scegliamo di testa nostra questo non succede...
Ma gi il fatto che tu scelga di fare la Sua volont significa che hai un cervello, che pensi, cresci  e impari!
 
Vuoi per forza anche sbagliare?  Sorridente
 
Bene, le persone sono libere di scegliersi chi sposare... nell'esempio che riporti si parla di donne vedove, per pensa al contesto, in cui una donna non poteva scegliere da s il proprio marito.
Oggi nella nostra societ siamo liberi di scegliere il partner, ma "nel Signore"... bene, cosa vuol dire?
Vuol dire che dobbiamo seguire le Sue indicazioni...
 
Senti Fossile, in Luca Cristo dice "E chi quel padre fra di voi che, se il figlio gli chiede un pane, gli dia una pietra? O se gli chiede un pesce, gli dia invece un serpente?", quindi si suppone che se tu chiedi a Dio una compagna, Lui ti dar la migliore per te, no?
 
Perch ostinarsi a scegliere da soli?
Mi sa un p di mancanza di fede, altro che Vangelo del benessere: fede, questo che fa la differenza!
 
A presto caro Fossile!
 
Ciao!  Ciao
Sandra
 
Loggato
saren
Admin
*****



Dio non gioca a dadi... (Albert Einstein)

   
WWW    E-Mail

Posts: 8122
Re: Riflessioni
« Rispondi #10 Data del Post: 08.02.2007 alle ore 19:07:16 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 08.02.2007 alle ore 16:09:46, lisa8 wrote:
Ciao Saren, la famiglia un'istituzione di Cristo e quindi penso che sia buono ricercarla, anche x contrastare il diavolo che tenta sempre di disfare le unioni.
Quando ho incontrato mio marito (avevo quasi 22 anni) erano anni che pregavo Dio x mandarmi l'uomo giusto x me, se era nei Suoi piani. Anche se mio marito non era credente quando ci siamo messi insieme, stata una vera benedizione sia x me che x lui. Dio stava gi lavorando nella sua vita e ha messo me nella sua vita x arrivare alla conversione.Devo dirti che quando ho capito che era lui l'uomo giusto, ho realizzato che io potevo essere il mezzo x evangelizzarlo e sono stata spinta ancora di pi a mettermi con lui. Io penso che noi Figli di Dio abbiamo qualcosa di speciale e se, attraverso il nostro amore, possiamo essere messaggeri di Dio, ben venga!
Io ho visto un miracolo e ho amato e amo Dio sempre di pi!
 
Un abbraccio anche a te!
Lisa  

 
Ciao Lisa, ho nerettato le frasi su cui voglio puntare l'attenzione...
 
Hai scritto che hai chiesto a Dio di darti un compagno, SE questo era nei Suoi piani.
Perfetto!  Applauso
Cos facendo ti sei messa nella giusta relazione con Dio...
Hai espresso si un desiderio, ma hai lasciato a Lui la decisione... e in effetti cosa hai avuto?
Hai avuto un marito con il quale condividere le cose del Signore.
Certo, lui non era credente quando vi siete messi insieme, ma il fidanzamento non il matrimonio e se il fidanzamento si pu sciogliere, non cos semplice per il matrimonio (come giusto che sia!)...
Quindi non si pu dire che tu ti sia messa con un non credente e "poi" le cose sono andata comunque bene, perch qui si tratta di qualcosa che il Signore ha preparato Lui... un miracolo, appunto!  Sorriso
 

on 08.02.2007 alle ore 16:57:52, lisa8 wrote:
 
 
Rispondo al tuo dubbio. Mio marito si convertito dopo pochi mesi dal fidanzamento, prima del matrimonio, ma come ti ho gi scritto, noi cristiani dobbiamo essere una luce fra le tenebre.  
Dio fa cose meravigliose che neanche ci aspettiamo. Pu cambiare le persone in un modo sorprendente. Nessuna persona mai perduta. Attraverso la preghiera e la speranza dei credenti, Dio pu ancora salvare anche una persona ormai vecchissima in fin di morte e di casi ne ho sentiti.

 
Permettimi di dissentire...
Non biblico dire che nessuna persona perduta...  
Cristo ha detto: "Un tale gli disse: Signore, sono pochi i salvati? Ed egli disse loro: Sforzatevi di entrare per la porta stretta, perch io vi dico che molti cercheranno di entrare e non potranno." Luca 13:23
E anche :" Poich molti sono i chiamati, ma pochi gli eletti.Matteo 22:14  
Se Cristo ha detto queste parole, non possiamo affermare il contrario...
 
Che invece Dio possa salvare anche una persona vecchissima o in fin di vita non c' dubbio, previo l'accogliere Cristo come Salvatore, non in maniera automatica della serie tantosiamotuttisalvati...
Scusa Lisa, solo per specificare...  Sorriso
 

Quote:

Io non sarei cos categorica e non penso che Dio non ci voglia con non credenti in assoluto. La "non credenza" pu essere una situazione iniziale. Io mi sono lasciata guidare da Dio con mio marito. Poi tu puoi dire che non vero, ma la storia non stata cos semplice come sembra. E' tutto nato piano, piano e in maniera un po' complessa da spiegare x messaggio in un forum, cmq, Dio sa.
 
Lisa

 
Anche io non sono cos categorica, ma ribadisco che fondamentale il fatto che la scelta non sia nostra, ma di Dio. Punto.
Cosa che mi pare di capire credi anche tu, perch pi volte hai detto che ti sei lasciata guidare da Dio e hai richiesto la Sua volont...
 
E non mi permetterei mai di dire che mi sembra pi semplice di quello che stato, ci mancherebbe.
Credo che tutto ci che riguarda le relazioni tra gli esseri umani sia molto complesso e articolato...cosa c' mai di semplice?  Sorridente
 

on 08.02.2007 alle ore 17:04:36, lisa8 wrote:
Saran, pregher x tuo marito! Fidati del Signore!! Pu ancora cambiare il cuore di tuo marito!! Il Signore fa cose grandi, ma abbi sempre fiducia in Lui!!  
 
Un abbraccio forte,
Lisa

 
Grazie di cuore per le tue preghiere mia cara Lisa...  Bacio
Pregare uno per l'altro molto buono ed cos importante!
 
Grazie per aver condiviso con noi la tua testimonianza, puoi ben vedere quali riflessioni ci hai portato a fare ...
 
Ti abbraccio con affetto...
Il Signore benedica grandemente te e tuo marito!
 Amici
 
Sandra
 
Loggato
lisa8
Membro
***





   
WWW    E-Mail

Posts: 64
Re: Riflessioni
« Rispondi #11 Data del Post: 08.02.2007 alle ore 21:27:13 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Grazie a te, Saren!  
 
Il Signore benedica te e la tua famiglia!!
 
Lisa
Loggato

Ges gli disse: Io sono la via, la verit e la vita; nessuno viene al Padre se non per mezzo di me.
saren
Admin
*****



Dio non gioca a dadi... (Albert Einstein)

   
WWW    E-Mail

Posts: 8122
Re: Riflessioni
« Rispondi #12 Data del Post: 09.02.2007 alle ore 09:15:03 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Bene Fossile, discutere con te si fa sempre pi interessante  Sorriso  Sorriso
 
Ricapitoliamo:
- devo dirti cosa vuol dire per me servire il Signore
- dobbiamo approfondire le basi bibliche riferite alla scelta del partner da parte di Dio
- devo rispondere al tuo ultimo post
 
Oggi mi ritaglier del tempo per questo...stamattina non  mi possibile... Tu intanto non scappare, ok?  Sorridente
 
P.S. Ho letto la tua testimonianza: mi piace sempre capire con chi sto dialogando. Non dimentico mai che dietro un nick c' sempre una persona in carne e ossa...  Linguaccia
 
A presto e buona giornata!  Ciao
 
Sandra
Loggato
saren
Admin
*****



Dio non gioca a dadi... (Albert Einstein)

   
WWW    E-Mail

Posts: 8122
Re: Riflessioni
« Rispondi #13 Data del Post: 09.02.2007 alle ore 22:31:40 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Ri-ciao Fossile!  Ciao
 
E vabb che ti ho detto di non scappare...ma aspettami almeno!  Sorridente
 
Se non ti spiace andrei con ordine, hai messo altra carne al fuoco, ma vorrei non lasciare nulla indietro. Spero non ti dispiaccia...  Sorriso
 
Quindi ti dir che cosa significa per me servire il Signore...
Per me servire il Signore non ha a che vedere con un qualche tipo di servizio o impegno, che sia essere un responsabile di chiesa, un musicista, un diacono o la sorella che pulisce i locali della comunit... No.
Servire il Signore E' mettersi al Suo servizio, non fare un servizio per Lui.
 
Qual la differenza?
 
Beh, la differenza, che pu sembrare sottile, che se mi metto al servizio del Signore, mi metto in una posizione di assoluto abbandono a Lui: m'interesser solo fare la Sua volont e non altro, non il tipo di compito che Lui mi chieder di fare.
Quando faccio un servizio per Lui, devo ricordarmi (sempre) che non importante il mio compito in s, ma Chi me lo ha comandato.
 
Spesso le persone lavorano in varie attivit, hanno compiti specifici, lavorano per il Signore... ma sono al servizio del loro compito... non del Signore...
 
E' di nuovo solo questione di volont: quella di Dio, naturalmente! Quindi mi, ti domando: chiediamo sempre al Signore se la Sua volont quando ci mettiamo a fare qualcosa per Lui?
 
E' un p difficile spiegarmi via post, spero di riuscire a farmi capire... Imbarazzato
 
Ora passo al resto... Sorriso
Sandra
Loggato
saren
Admin
*****



Dio non gioca a dadi... (Albert Einstein)

   
WWW    E-Mail

Posts: 8122
Re: Riflessioni
« Rispondi #14 Data del Post: 09.02.2007 alle ore 22:44:19 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Passiamo alle "basi bibliche" riguardo al fatto che debba essere il Signore a scegliere il nostro partner...
 
Ma prima una domanda....
 
Qual la base delle basi bibliche?  
 
Ti do la mia risposta: la volont di Dio... (e gi, di nuovo!!)
 
Tutto parte di qui...
 
E allora se analizziamo la base delle basi, ecco che troviamo:
 
- Salmo 143:10 Insegnami a far la tua volont;   Perciocch tu sei il mio Dio;
 
- Matteo 6:10 Il tuo regno venga. La tua volont sia fatta in terra come in cielo.
 
- Matteo 7:21 Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrer nel regno de' cieli; ma chi fa la volont del Padre mio, che ne' cieli.
 
- Giovanni 1:12 Ma, a tutti coloro che l'hanno ricevuto, i quali credono nel suo nome, egli ha data questa ragione, d'esser fatti figliuoli di Dio; 13 i quali, non di sangue, n di volont di carne, n di volont d'uomo, ma son nati di Dio.
 
- Giovanni 4:34 Ges disse loro: Il mio cibo ch'io faccia la volont di colui che mi ha mandato, e ch'io adempia l'opera sua.
 
- Romani 12:2 E non vi conformiate a questo secolo, anzi siate trasformati per la rinnovazione della vostra mente; acciocch proviate qual sia la buona, accettevole, e perfetta volont di Dio.
 
- 1Pietro 4:1 POI dunque che Cristo ha sofferto per noi in carne, ancor voi armatevi del medesimo pensiero, che chi ha sofferto in carne, ha cessato dal peccato; 2 per vivere il tempo che resta in carne, non pi alle concupiscenze degli uomini, ma alla volont di Dio.
 
Pensa, per Cristo la volont di Dio cibo!
Ora assodato che Cristo sia venuto tra noi per salvarci da morte certa... ma non ha fatto solo questo...ci ha anche dato tutta una serie di esempi per mostrarci come si deve vivere la nostra vita se Lo accettiamo come Salvatore...
 
E l'esempio principale : fare la volont del Padre...
 
Ora, tu puoi dire che non c' scritto da nessuna parte che sia Dio a darti una compagna... Vero. Ma Lui previene questo... e ti dice che devi fare la Sua volont e non la tua.
Ergo, se non la tua volont che conta di fatto quella di Dio che conta... O sbaglio?
 
E questo per ogni cosa che ci riguarda...
Certo, come esseri pensanti abbiamo la facolt di scegliere se farla o meno, perch non siamo dei burattini nelle mani di Dio.
L'importante capire e accettare che se facciamo la nostra volont otteremo al massimo del buono, per noi...
Se facciamo la Sua otteremo il meglio...
C' una bella differenza, non trovi?
 
Io ti ho proposto la mia visione (ma non solo mia a quanto pare! Vago  Linguaccia ), ora puoi trovare tu versetti e riferimenti che indichino che la tua compagna te la puoi scegliere tu senza scomodare Dio e ottenendo lo stesso la cosa migliore per te?
 
Vado avanti...
 
Scusa Fossile, sembro un tritasassi...  Imbarazzato
Ma la colpa anche tua!  Linguaccia
 
Sandra
 
Loggato
Pagine: 1 2 3  4 torna su Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa

« Topic Precedente | Prossimo Topic »

Evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl ‐ P.IVA 01264890052 ‐ Privacy policy