Progetto Archippo - Seminari a domicilio
Benvenuto Visitatore. Fai Login o Registrati.   Regolamento Leggi il regolamento completo

Indice Indice   Help Help   Cerca Cerca   Utenti Utenti   Calendario Calendario   Login Login   Registrati Registrati

 
   I Forum di Evangelici.net
   Dottrina, storia ed esegesi biblica (partecipazione riservata a chi si identifica con i punti di fede di evangelici.net)
   Esegesi del Nuovo Testamento e critica testuale
(Moderatori: andreiu, Asaf)
   Matteo 22:36-38 & Marco 12:28-31 vs Luca 10:25
« Topic Precedente | Prossimo Topic »
Pagine: 1  vai in fondo Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa
   Autore  Topic: Matteo 22:36-38 & Marco 12:28-31 vs Luca 10:25  (letto 840 volte)
Stefanotus
Visitatore

E-Mail

Matteo 22:36-38 & Marco 12:28-31 vs Luca 10:25
« Data del Post: 18.05.2015 alle ore 11:27:35 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio

Un caro amico mi ha fatto notare un interessante dettaglio biblico che vorrei condividere con voi, giusto per fare delle osservazioni insieme.
Leggendo questi versetti, oggetto della discussione, noterete che mentre Matteo e Marco sono concordi nel raccontare gli eventi, Luca introduce dei dettagli differenti.
 
"Maestro, qual , nella legge, il gran comandamento?  Ges gli disse: "Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima e con tutta la tua mente". Questo il grande e il primo comandamento." - Matteo 22:36-38
 
"Uno degli scribi che li aveva uditi discutere, visto che egli aveva risposto bene, si avvicin e gli domand: Qual il pi importante di tutti i comandamenti?  Ges rispose: Il primo : "Ascolta, Israele: Il Signore, nostro Dio, l'unico Signore. Ama dunque il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta l'anima tua, con tutta la mente tua, e con tutta la forza tua". Il secondo questo: "Ama il tuo prossimo come te stesso". Non c' nessun altro comandamento maggiore di questi." - Marco 12:28-31
 
"Ed ecco, un dottore della legge si alz per metterlo alla prova, dicendo: Maestro, che devo fare per ereditare la vita eterna? Ges gli disse: Nella legge che cosa sta scritto? Come leggi?  Egli rispose: Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta l'anima tua, con tutta la forza tua, con tutta la mente tua, e il tuo prossimo come te stesso." - Luca 10:25-27
 
Come vedete, nei tre versetti su citati ho evidenziato alcune parti, ossia CHI PARLA. Si tratta di un verso molto conosciuto da tutti noi, ma stranamente, difficilmente notiamo dettagli come questi, differenti tra i tre racconti che ci offrono i sinottici.
 
Qual la domanda che viene posta a Ges?
Chi espone il pi grande comandamento Ges o il dottore della legge?
 
Possiamo fare sicuramente molte considerazioni come gli scopi diversi che ogni scrittore evangelico aveva nell'esporre i propri contenuti. Oppure si pu disquisire sul fatto che Luca non fosse presente ai fatti ma si fosse documentato. Si potrebbe persino ipotizzare che si tratti di due eventi diversi che riportano lo stesso insegnamento. Oppure si pu concludere come alcuni fanno e cio che i racconti presentano queste differenze "inspiegabili" che minano l'attendibilit scritturale del testo in s che non va considerato letteralmente, ma concettualmente.
 
Voi che ne pensate?
Avete idee a riguardo?
Loggato
Caste
Membro familiare
****



Give God a Chance

   
WWW    E-Mail

Posts: 1271
Re: Matteo 22:36-38 & Marco 12:28-31 vs Luca 1
« Rispondi #1 Data del Post: 18.05.2015 alle ore 12:26:49 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Beh, mi sembra che di spiegazioni ce ne siano pi di una, effettivamente: innanzitutto possibile considerare che Luca stia riportando un altro evento, visto che il contesto un po' diverso rispetto a quello di Marco e Matteo, (vedi la maggiore corrispondenza temporale con Luca 20), quindi, immagino non sia una possibilit da escludere.
Se poi vogliamo prendere per buona l'idea che Marco sia il vangelo "primario" come fonte, l'idea che hai fornito tu, ovvero che Luca abbia considerato anche altre fonti, modificano il racconto, ugualmente accettabile.
Sinceramente, a me viene in mente anche una terza cosa: non proprio giusto dire che Matteo e Marco raccontino pi o meno allo stesso modo; Matteo pone l'enfasi sulla risposta di Ges, data allo scriba, o dottore, nell'ambito delle "controversie" e delle discussioni che Ges stava avendo con le autorit ebraiche. Marco, invece, ci mostra una discussione dialogica tra Ges, che afferma una cosa, e il suo interlocutore che la ripete, come a sottolinearne l'importanza, quindi in questo caso va notato che l'affermazione relativa al gran comandamento non solo di Ges, ma anche dello scriba. Infine, in Luca vediamo come sia posta l'enfasi sulla risposta del dottore, per poi dare il l alla parabola del buon samaritano.  
 
Io non sono del tutto convinto che Luca 10 debba essere fatto corrispondere agli altri due racconti ma, se proprio si volesse fare, non credo che ci siano tutte queste problematiche narrative.
Loggato

"Il problema delle citazioni su internet che non si sa mai se siano vere o no" Abraham Lincoln
Stefanotus
Visitatore

E-Mail

Re: Matteo 22:36-38 & Marco 12:28-31 vs Luca 1
« Rispondi #2 Data del Post: 18.05.2015 alle ore 14:40:38 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica    Rimuovi messaggio Rimuovi messaggio


on 18.05.2015 alle ore 12:26:49, Caste wrote:
Beh, mi sembra che di spiegazioni ce ne siano pi di una, effettivamente: innanzitutto possibile considerare che Luca stia riportando un altro evento, visto che il contesto un po' diverso rispetto a quello di Marco e Matteo, (vedi la maggiore corrispondenza temporale con Luca 20), quindi, immagino non sia una possibilit da escludere.

Concordo.
A casa verificher cosa hanno detto studiosi biblici pi preparati di noi.  Sorriso
 

Quote:
Se poi vogliamo prendere per buona l'idea che Marco sia il vangelo "primario" come fonte, l'idea che hai fornito tu, ovvero che Luca abbia considerato anche altre fonti, modificano il racconto, ugualmente accettabile.

Non proprio.
Questa idea che fornisco seppur basata su dei dati concreti come ad esempio il fatto che Luca si sia informato dei fatti in quanto non testimone oculare, produce un problema di tipo dottrinale. Introduce infatti l'idea che o Luca o Matteo e Marco abbiano scritto una cosa sbagliata. Quindi la Bibbia contenga dati incorretti. Questo principio intacca il principio di infallibilit biblica e non a caso oggi sono diversi gli studiosi che dicono che, essendo la Bibbia in parte "errata" non pu essere interpretata come Parola di Dio... Quindi io ho esposto una delle idee possibili che va ragionata, ma non so se tutte le idee siano valide e accettabili.
 

Quote:
Sinceramente, a me viene in mente anche una terza cosa: non proprio giusto dire che Matteo e Marco raccontino pi o meno allo stesso modo; Matteo pone l'enfasi sulla risposta di Ges, data allo scriba, o dottore, nell'ambito delle "controversie" e delle discussioni che Ges stava avendo con le autorit ebraiche. Marco, invece, ci mostra una discussione dialogica tra Ges, che afferma una cosa, e il suo interlocutore che la ripete, come a sottolinearne l'importanza, quindi in questo caso va notato che l'affermazione relativa al gran comandamento non solo di Ges, ma anche dello scriba. Infine, in Luca vediamo come sia posta l'enfasi sulla risposta del dottore, per poi dare il l alla parabola del buon samaritano.

Infatti, bravo. Concordo. Avevo detto che si devono tenere in mente gli scopi dello scrittore evangelico, che magari tenendo in mente un certo tipo di "odiens" ha scritto in base a loro enfatizzando pi una cosa piuttosto che l'altra. Ma il problema rimarrebbe nel contrasto con Luca, perch una cosa enfatizzare, un'altra avere due versioni diverse di un medesimo racconto.
 

Quote:
Io non sono del tutto convinto che Luca 10 debba essere fatto corrispondere agli altri due racconti ma, se proprio si volesse fare, non credo che ci siano tutte queste problematiche narrative.
Si anche io penso che si possa trattare di due eventi diversi. Ma come lo si dimostra?
Loggato
Caste
Membro familiare
****



Give God a Chance

   
WWW    E-Mail

Posts: 1271
Re: Matteo 22:36-38 & Marco 12:28-31 vs Luca 1
« Rispondi #3 Data del Post: 18.05.2015 alle ore 16:24:25 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica


on 18.05.2015 alle ore 14:40:38, Stefanotus wrote:

Non proprio.
Questa idea che fornisco seppur basata su dei dati concreti come ad esempio il fatto che Luca si sia informato dei fatti in quanto non testimone oculare, produce un problema di tipo dottrinale. Introduce infatti l'idea che o Luca o Matteo e Marco abbiano scritto una cosa sbagliata. Quindi la Bibbia contenga dati incorretti. Questo principio intacca il principio di infallibilit biblica e non a caso oggi sono diversi gli studiosi che dicono che, essendo la Bibbia in parte "errata" non pu essere interpretata come Parola di Dio... Quindi io ho esposto una delle idee possibili che va ragionata, ma non so se tutte le idee siano valide e accettabili.
 
Infatti, bravo. Concordo. Avevo detto che si devono tenere in mente gli scopi dello scrittore evangelico, che magari tenendo in mente un certo tipo di "odiens" ha scritto in base a loro enfatizzando pi una cosa piuttosto che l'altra. Ma il problema rimarrebbe nel contrasto con Luca, perch una cosa enfatizzare, un'altra avere due versioni diverse di un medesimo racconto.

 
Mah, sai che non concordo molto con questa posizione o, meglio, con questo modo di esprimerla, ma ne abbiamo gi discusso a sufficienza in altri 3d!  
 

on 18.05.2015 alle ore 14:40:38, Stefanotus wrote:

Si anche io penso che si possa trattare di due eventi diversi. Ma come lo si dimostra?

 
Qua c' un estratto dei commentari di Calvino, che la pensa come noi: http://www.ccel.org/ccel/calvin/comment3/comm_vol33/htm/viii.htm
 
mentre qui, http://biblehub.com/commentaries/luke/10-25.htm vedo che una buona met dei commentari che affrontano l'argomento considerano che si tratti di due avvenimenti diversi.
 
Direi che siamo in buona compagnia!  Sorridente
Loggato

"Il problema delle citazioni su internet che non si sa mai se siano vere o no" Abraham Lincoln
kosher
Membro familiare
****




Neve Shalom Wahat al-Salam

   
WWW    E-Mail

Posts: 423
Re: Matteo 22:36-38 & Marco 12:28-31 vs Luca 1
« Rispondi #4 Data del Post: 06.08.2017 alle ore 00:42:40 »
Rispondi con quote Rispondi con quote   Modifica Modifica

Le differenze tra i Vangeli sinottici nel caso di particolari pericopi o raccolte di insegnamento non sono un problema. Le differenze non rappresentano errori o contraddizioni. Mostrano semplicemente i diversi modi in cui Ges veniva ricordato e il fatto che la tradizione su di lui sia stata gestita e presentata in diversi contesti.
 
La diversit tra i Vangeli sinottici mostra ancora una volta come gli evangelisti non considerassero essenziale il fatto di comunicare mediante forme rese fisse e rigide dalla scrittura. Anche se Matteo e Luca evidentemente conoscevano e usavano per lo meno una fonte scritta (Marco), non si limitarono a copiare ci che Marco aveva scritto, ma offrirono una propria versione delle stesse tradizioni che Marco aveva riespresso. In altre parole, la flessibilit del periodo della trasmissione orale si estese alle forme scritte della tradizione.
 
Una delle pi gravi mancanze nei tentativi di risolvere il problema sinottico esclusivamente in termini letterari fu costituito dallidea (di solito non consapevolmente formulata) che quando Matteo e Luca ricevettero la loro copia del vangelo di Marco, si sia trattato della prima volta in cui ciascuno di essi si imbatteva nelle storie e negli insegnamenti contenuti in Marco. Una simile prospettiva difficilmente credibile. Buona parte della tradizione su Ges trascritta da Marco ebbe probabilmente unampia diffusione e dovette essere ben nota presso le comunit presenti in Siria e oltre. In molti dei casi in cui Matteo e Marco divergono sulla medesima tradizione, la spiegazione pi ovvia che Matteo conoscesse una versione (orale) di quella stessa tradizione che differiva dalla versione marciana, e che in quei casi avesse preferito trascrivere laltra versione, che forse conosceva meglio.
 
[] Che Matteo e Luca avessero accesso a molto pi materiale di Marco chiaro. Che parte di esso fosse gi scritto fortemente probabile. Ma lo altrettanto il fatto che essi conoscessero la tradizione su Ges come tradizione vivente e orale, con il tipo di diversit che possiamo ancora oggi trovare nella tradizione sinottica. [] In terzo luogo non dovremmo commettere lerrore di pensare che ci sia stata ununica transizione dallorale allo scritto., come se la trascrizione della tradizione su Ges abbia messo fine alla tradizione orale o alla sua flessibilit. Al contrario, dagli echi e dagli usi della tradizione su Ges che possiamo riconoscere per esempio in Giacomo, 1Pietro e nei padri apostolici risulta evidente che essi conoscessero versioni di tale tradizione cui facevano riferimento che differivano da quelle usate dai Vangeli.
 
[] I Vangeli sinottici mostrano come Ges sia stato ricordato durante il periodo tra lui e i Vangeli: in modo uguale, seppur diverso. Mostrano perch Ges sia stato ricordato in quel periodo. Mostrano che limpatto di Ges non si era dissolto, e non era stato sepolto dal credo e dai dogmi successivi su di lui. Mostrano come quel Ges che era stato di impatto durante la sua missione abbia continuato a esserlo su coloro che non lavevano mai visto nella carne, e questo mediante la tradizione che incarnava cos nitidamente il carattere specifico della sua stessa missione.
 
James D.G. Dunn, Dal Vangelo ai Vangeli. San Paolo
« Ultima modifica: 08.08.2017 alle ore 19:41:58 by kosher » Loggato

Dominus noster Iesus Christus, Deus unigenitus, primogenitus totius creationis.
Pagine: 1  torna su Rispondi Rispondi   Abilita notifica Abilita notifica    Invia il Topic Invia il Topic    Stampa Stampa

« Topic Precedente | Prossimo Topic »

Evangelici.net è un sito di Teknosurf.it srl ‐ P.IVA 01264890052 ‐ Privacy policy