Cambio di schieramento per Lucio Malan

By 3 Agosto 2021Dall'Italia, Focus

Ha fatto clamore il cambio di schieramento del senatore evangelico Lucio Malan, che dopo venticinque anni lascia Forza Italia per approdare a Fratelli d’Italia, passando in questo modo dalla maggioranza all’opposizione.

La notizia ha avuto una certa visibilità, testimoniando l’autorevolezza attribuita dai media a Malan («una figura molto rappresentativa di Forza Italia», secondo il Post; «pezzo pregiato dell’argenteria parlamentare» del Cavaliere, secondo La Stampa); dalle interviste concesse ai giornali è emerso che la decisione è stata presa in solitudine e nel giro di appena 48 ore, dopo una serie di malumori del senatore per il sostegno acritico da parte di Forza Italia al governo Draghi. Punto di rottura, il silenzio del suo ex partito sull’intervento vaticano in relazione al disegno di legge Zan: «Ho antenati che hanno sofferto per poter esprimere la propria libertà religiosa. Mi aspettavo qualcosa di più dopo la nota verbale della Santa Sede. E invece nulla», ha spiegato al Foglio (il comunicato ufficiale di Malan è qui).

Se il disappunto di Malan sulla questione è comprensibile e la sua lettura politica legittima, alcuni giornali hanno ventilato l’ipotesi che dietro l’addio ci sia stato anche il malumore verso un partito quantomeno disattento nei suoi confronti; che si tratti di illazioni o di letture verosimili è difficile non maturare l’impressione che, negli ultimi anni, una figura di esperienza e affidabile come la sua non sia stata valorizzata adeguatamente da un partito che, ormai da tempo, rivela una preoccupante deriva in termini di obiettivi politici e di figure convincenti.

foto: ilpost.it

Evangelici.net è un portale di informazione e approfondimento che opera dal 1996 per la valorizzazione del messaggio, dell’etica e di uno stile di vita cristiano

Sostieni il portale ➔